Home Personale Def approvato alla Camera. Per la scuola il rinnovo del contratto slitta

Def approvato alla Camera. Per la scuola il rinnovo del contratto slitta

CONDIVIDI

Con 272 voti favorevoli e 122 contrari, ieri la Camera ha approvato la risoluzione di maggioranza sul Documento di Economia e Finanza 2019, il principale strumento di programmazione della politica economica del Governo.

Cosa dice il DEF

Per il momento di rinnovo contrattuale non si parla, nella migliore delle ipotesi è tutto rimandato al 2020.

“Considerato che la stagione contrattuale 2016-2018 non è ancora conclusa – si legge infatti nel documento – la previsione di spesa sconta l’ipotesi che i CCNL per il triennio 2019-2021 verranno sottoscritti a decorrere dal 2020”.

ICOTEA_19_dentro articolo

D’altra parte nella legge di bilancio per il 2019 non sono neppure state previste le risorse necessarie a garantire il rinnovo dei contratti di 3 milioni di dipendenti pubblici; e il DEF conferma: “Con riferimento al nuovo triennio contrattuale per l’anno 2019 è stata considerata la sola  spesa per l’anticipazione contrattuale decorrente dal mese di aprile (corrispondente sostanzialmente all’indennità di vacanza contrattuale prevista dal precedente ordinamento) e per la corresponsione dell’elemento perequativo decorrente dal mese di gennaio 2019”.

Le cifre del futuro contratto

Il DEF indica anche gli incrementi che si prevedono: 1,3 per cento per il 2019, 1,65 per cento per il 2020 e 1,95 per cento complessivo a decorrere dal 2021.

Con il precedente contratto l’incremento era stato pari al 3,5% circa e aveva portato in media un aumento di 85 euro ai dipendenti pubblici. Basta quindi un semplice calcolo per capire che, questa volta, l’aumento non supererà neppure i 50 euro, calcolati come sempre al lordo delle ritenute: in pratica non si andrà molto al di là di una trentina di euro netti, dai quali dovrà però essere detratta l’indennità di vacanza contrattuale che erogata a partire da questo mese e leggermente incrementata dal prossimo luglio.

Questo, almeno, è ciò che dicono i numeri in questo momento.

Ma per capire se qualcosa potrà cambiare bisognerà attendere la prossima legge di bilancio.