Home Didattica Didattica a distanza, Facebook Gruppi per tenere alta la motivazione degli studenti

Didattica a distanza, Facebook Gruppi per tenere alta la motivazione degli studenti

CONDIVIDI

Con Facebook Gruppi gli insegnanti hanno a disposizione uno spazio virtuale in cui incontrarsi con gli studenti. È possibile, attraverso il collegamento video in tempo reale, fare lezione, rispondere a domande e fare esercitazioni, cioè avere un confronto diretto con gli studenti. Si possono condividere documenti, elaborati, compiti, tesine e stimolare delle conversazioni interattive grazie alla varietà di strumenti messi a disposizione dalla piattaforma.

L’apprendimento con i social network ha diversi vantaggi rispetto all’apprendimento tradizionale, tra questi possiamo citare:

  • impegno attivo del discente per costruire il proprio percorso, evitando di assorbire passivamente i contenuti proposti dal docente;
  • contenuti costantemente aggiornati dagli utenti;
  • possibilità di lavorare in modo collaborativo;
  • possibilità di tenere alti il coinvolgimento e la motivazione degli studenti lungo tutto il percorso.

Ci sono fondamentalmente due modi per fare una diretta sui social.

ICOTEA_19_dentro articolo

La prima opzione è la più semplice. Si prenda  un cellulare, poi si scarichi l’app del social nel quale si vuole fare la diretta (Facebook, Instagram o Twitter, anche se la più utilizzata resta Facebook). Successivamente bisogna scrivere una brevissima introduzione, quindi puntare verso il soggetto e premere l’avvio per andare in diretta. Se si vuole andare in diretta con una pagina Facebook (ad esempio la pagina di una classe scolastica), si può scaricare l’utilissima app ufficiale “Gestore delle Pagine”.

LEGGI ANCHE: Come fare la didattica a distanza con Facebook

La seconda opzione è più complicata e più a misura di “professionisti”, con più camere, più microfoni e una regia in diretta proprio come in TV.

Come fare didattica a distanza: consigli e soluzioni

Coronavirus e scuole chiuse, tutto quello che c’è da sapere: norme