Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni Discriminazioni sui banchi, un istituto romano adotta regolamento ad hoc

Discriminazioni sui banchi, un istituto romano adotta regolamento ad hoc

CONDIVIDI
Un regolamento interno contro tutte le discriminazioni nella vita scolastica, dal bullismo omofobico a quelle legate alla diversità etnica, linguistica e religiosa. Ad approvarlo è stato l’istituto tecnico superiore Galileo Galilei di Roma. E a darne comunicazione è stato Massimo Frana, docente dell’istituto capitolino, Rsu per la Flc-Cgil e tra gli ideatori del regolamento.
L’iniziativa, attraverso cui non solo si intende sanzionare gli atteggiamenti discriminatori ma anche favorire l’integrazione attraverso progetti e una programmazione ad hoc, è probabilmente la prima del genere in Italia. "E’ un primo passo affinché cambi il clima a Roma – ha detto il docente dell’istituto, peraltro posto in un quartiere ad altissima presenza di stranieri – e ci auguriamo che regolamenti del genere, così articolati, vengano adottati anche da altre scuole della Capitale e d’Italia".
Il Collegio Docenti dopo l’approvazione ha demandato ad un’apposita Commissione, presieduta dallo stesso prof. Frana, per la limatura del testo in conformità all’art.3 della Costituzione, della Carta dei diritti fondamentali di Strasburgo del 12 dicembre 2007 e del Decreto del Presidente della Repubblica del 16 aprile 2013, n. 62.
La Flc-Cgil di Roma e Lazio, attraverso la segretaria, Silvia Ioli, e il responsabile dell’Ufficio Nuovi Diritti della Cgil di Roma e del Lazio, Salvatore Marra, hanno espresso "soddisfazione per l’approvazione di questo regolamento che speriamo possa diventare buona prassi all’interno di molti altri istituti scolastici della nostra regione e anche del paese. Regolamenti come questo dimostrano come l’azione del sindacato in luoghi come le scuole sia fondamentale per la lotta all’ignoranza e al pregiudizio che portano spesso alla discriminazione, al bullismo e all’intolleranza. Ora tocca alle istituzioni, alla Regione e al Comune – aggiungono – e ci aspettiamo che a breve possano essere aperti con le parti sociali e le associazioni dei tavoli per la definizione di norme e di campagne contro le discriminazioni. A partire dai luoghi di lavoro per fare in modo che Roma possa diventare città accogliente e sicura per tutti".

NELLA SEZIONE "APPROFONDIMENTI" DI QUESTA PAGINA (SUL LATO DESTRO) E’ POSSIBILE PRENDERE VISIONE DEL REGOLAMENTO APPROVATO PRESSO L’ITIS GALILEI DI ROMA.

CONDIVIDI