Home Personale Domande part-time, gli USR prorogano i termini a metà aprile

Domande part-time, gli USR prorogano i termini a metà aprile

CONDIVIDI

L’art. 3, c.1, dell’Ordinanza Ministeriale 22 luglio 1997, n. 446, come modificato dall’art. 7 dell’Ordinanza Ministeriale 13 febbraio 1998, n. 55, prevede che l’istanza di trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale debba essere presentata entro il 15 marzo di ciascun anno scolastico.

In considerazione dell’attuale situazione di emergenza epidemiologica da COVID-19, tenuto conto della natura ordinatoria della scadenza, alcuni USR hanno disposto una proroga per l’invio della domanda.

L’USR Lazio ha comunicato che le domande prodotte dagli insegnanti di religione di autorizzazione al part time e quelle di rientro al tempo pieno, di cui copia sarà trattenuta agli atti della Scuola, dovranno essere fatte pervenire all’Ufficio regionale, tramite PEC all’indirizzo [email protected] , entro il 10 aprile 2020. Per quanto riguarda le richieste di modifica della misura oraria del servizio per chi è già in regime di part time, non è prevista alcuna autorizzazione da parte dell’Ufficio. La richiesta dovrà essere valutata dal Dirigente Scolastico in relazione alle esigenze della scuola, nonché dall’Ordinario Diocesano.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’USR Lombardia ha rinviato al 15 aprile 2020 il termine di presentazione delle domande. Alla medesima scadenza si atterranno coloro che, trascorso almeno un biennio dalla trasformazione del rapporto di lavoro in part-time, vogliano presentare istanza di reintegro da tempo parziale a tempo pieno.

Anche l’USR Piemonte proroga la scadenza al 15 aprile 2020.

Si consiglia di consultare i siti degli USR e degli Ambiti Territoriali per verificare le scadenze previste.

CONDIVIDI