Home Alunni Esami di Stato: terza prova su massimo 5 discipline

Esami di Stato: terza prova su massimo 5 discipline

CONDIVIDI

Il Miur ha risposto con nota 5530 del 16 giugno 2015 ai molti dubbi riguardanti la corretta interpretazione dell’articolo 19 comma 3 dell’O.M. 11/2015, il quale così dispone: “Nella terza prova devono essere coinvolte, entro il limite numerico determinato nell’articolo 3, comma 2, del decreto ministeriale 20 novembre 2000, n. 429, tutte le discipline comprese nel piano degli studi dell’ultimo anno di corso, purché sia presente in commissione personale docente fornito di titolo ai sensi della vigente normativa”.

Nella nota di chiarimento il Ministero ricorda che l’attuale quadro normativo della terza prova scritta è rimasto immutato, ponendo la stessa in stretta coerenza con quanto previsto dal Documento del 15 maggio elaborato dal Consiglio di Classe, al quale quindi occorre fare riferimento.

Icotea

Pertanto, continua a restare fermo il limite numerico di non più di 5 discipline fissato dall’articolo 3 comma 2 del DM 429/2000 nel caso siano presenti in Commissione docenti forniti di titolo.

Si ricorda che la terza prova scritta si svolgerà lunedì 22 giugno 2015, con inizio alle ore 8.30.

Ogni Commissione, in relazione alla natura e alla complessità della prova, determinerà anche la durata massima della prova.

Ciascuna commissione, entro venerdì 19 giugno 2015, dovrà definire collegialmente la struttura della terza prova scritta, in coerenza con il documento del 15 maggio. Contestualmente, il Presidente, ove necessario, stabilirà, per ciascuna delle commissioni, l’orario d’inizio della prova, dandone comunicazione all’albo dell’istituto o degli eventuali istituti interessati. Non va, invece, data alcuna comunicazione circa le materie oggetto della prova.

Il 22 giugno 2015 ogni commissione, tenendo presente quanto attestato nel predetto documento del consiglio di classe, predisporrà collegialmente il testo della terza prova scritta sulla base delle proposte avanzate da ciascun componente; proposte che ciascun componente deve formulare in numero almeno doppio rispetto alla tipologia o alle tipologie prescelte in sede di definizione della struttura della prova.

Per i licei artistici il Presidente stabilisce la data della terza prova scritta.