Home Archivio storico 1998-2013 Esami di Stato Esami in corso, Svevo, internet e muro di Berlino protagonisti di quest’anno

Esami in corso, Svevo, internet e muro di Berlino protagonisti di quest’anno

CONDIVIDI
  • Credion

I circa cinquecentomila studenti che affrontano l’esame di maturità sono già curvi sui fogli con accanto solo il vocabolario e tanta tensione in corpo. Le scelte sono tante e le tematiche sono importanti per il periodo storico che l’Italia e l’Europa stanno vivendo.
Termini come coscienza, libertà, democrazia, unità d’Italia stanno ad indicare come sia necessario, soprattutto per i giovani, prendere coscienza di valori che rischiano di essere travolti da un’epoca fatta solo di bisogni falsi e di falsi riferimenti.
Per l’analisi del testo lettarario è venuto fuori Italo Svevo con la sua “Coscienza di Zeno” mentre quello di carattere generale ha puntato sulla caduta del muro di Berlino e quindi sulla libertà e sulla democrazia, valori per i quali non si può abbassare la guardia e per i quali i giovani devono continuare ad essere custodi e promotori. 
A vent’anni dalla caduta del muro (1989) l’impegno per la difesa della democrazia deve essere uno degli impegni prioritari di ogni giovane soprattutto quando i “muri” da abbattere sono diversi. A completare il percorso delle opportunità di scelta data ai diplomandi è stato il tema storico che chiede di parlare dell’unità d’Italia dopo circa 150 anni e in previsione dell’anniversario che cade nel 2011.
Per quanto riguarda i temi tecnico-scientifico e artistico-letterario, gli argomenti hanno puntato direttamente al cuore dei giovani.
Il primo chiede di parlare di internet, facebook, insomma di quel mondo dove i giovani vivono gran parte della loro vita e il secondo di “Amore e innamoramento”. Il tema socio-economico ha puntato sul 2009 come “anno della creatività e innovazione”. 
Per concludere, il tema storico-poilitico ha come argomento da trattare “Origini e sviluppo della cultura giovanile”.
E’ necessario ricordare le regole alle quali gli studenti devono attenersi come non usare cellulari, palmari, videotelefonini o qialsiasi dispositivo telematico per la trasmissione di dati, pena l’esclusione dalle prove.