Home Archivio storico 1998-2013 Generico Eurekascienza, ultimi giorni per partecipare

Eurekascienza, ultimi giorni per partecipare

CONDIVIDI
  • Credion
Per gli studenti frequentanti gli istituti superiori di primo e secondo grado è partito il conto alla rovescia per partecipare a Eurekascienza “Qual è l’innovazione scientifica di cui oggi ha maggiormente bisogno l’Umanità?”: le proposte al progetto, che intende favorire la diffusione della cultura scientifica nelle scuole, dovranno infatti pervenire entro il 20 dicembre. L’iniziativa, realizzata in collaborazione con i Ministeri della Pubblica Istruzione e dell’Università e della Ricerca, dall’Associazione “Culture and Science”, con il Patrocinio del Comitato Nazionale Educazione dell’Unesco, ha lo scopo di stimolare l’interesse e la curiosità dei ragazzi verso le novità scientifiche: lo scopo è prepararli consapevolmente alle scelte che si impongono sull’uso della scienza, per renderli partecipi e protagonisti del futuro della società e non passivi fruitori delle innovazioni. “Particolare attenzione – fanno sapere gli organizzatori del concorso – verrà posta alle questioni ambientali, etiche e culturali, come avvenuto nel recente referendum sulla fecondazione assistita”.
“Capire la scienza per imparare ad usarla” è lo slogan del progetto che ha distribuito in tutte le classi delle scuole medie e superiori d’Italia il cd “Eureka!” per informare i ragazzi in modo efficace e puntuale sulla scienza. Gli studenti dopo aver visionato il cd, disponibile anche sul sito internet www.eurekascienza.it, possono partecipare al concorso realizzando un elaborato, in cui rifletteranno sulle potenzialità delle innovazioni tecnico-scientifiche rispetto ai problemi e ai bisogni dell’Umanità. I componimenti, che forniranno un significativo test sui problemi che i ragazzi sentono più importanti per la società attuale e sulla percezione che hanno della scienza e della tecnologia, saranno anche analizzati sotto gli aspetti didattico e sociologico.
Le modalità del concorso prevedono che ciascuna scuola invii, ai centri interregionali di raccolta, non più di due elaborati. E’ possibile presentare lavori di gruppo. Per partecipare al concorso gli elaborati devono arrivare in formato elettronico (CD, DVD o Floppy) entro il 20 dicembre 2006 ai centri interregionali di selezione secondo la ripartizione geografica sotto indicata. Tutti gli elaborati devono inoltre essere inviati anche per posta elettronica alla redazione di Eurekascienza, all’indirizzo [email protected]
– Sud e Isole – “Centro Servizio MPI, per l’Educazione Scientifica e Tecnologica, presso L.S. “Fermi”, Via Puglia- 75025 Policoro ( Matera), Attenzione Dir. Scol. Annamaria Fumarola – Centro -, Laboratorio di Scienze Sperimentali, Via Isolabella snc, 06034, Foligno (Perugia), Attenzione Pierluigi Mingarelli – Nord – Museo della Scienza e della Tecnologia Milano, Via San Vittore 21, 20123 Milano Attenzione Salvatore Sutera.
I premi saranno in numero di 40. I vincitori riceveranno una pergamena con l’attestazione della capacità e della intuizione scientifica dimostrate. Ai primi 20 sarà anche consegnato un I-Pod per la registrazione e l’ascolto della musica. La premiazione dei vincitori sarà fatta entro il 31 marzo 2007 in occasione della giornata nazionale della diffusione della Cultura Scientifica e Tecnologica.
Il progetto Eurekascienza è stato ideato dal giornalista scientifico Giovanni Anzidei, che lo ha realizzato con il Dirigente del Ministero della Pubblica Istruzione prof. Giuseppe Marucci e con il sostegno del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci. Hanno contribuito: la Tim, le Poste Italiane, l’Assobiomedica, il Consorzio Sintesi Itia-Cnr e la Kodak.
Per fornire agli studenti un valido e tempestivo strumento per informarsi, è stata anche istituita una casella di posta elettronica [email protected], per porre quesiti e chiedere approfondimenti su temi scientifici e tecnologici. Alle domande risponde sempre per e-mail una redazione di giornalisti scientifici in collaborazione con gli uffici stampa dei principali enti di ricerca.