Home Archivio storico 1998-2013 Generico Eurispes: cresce la fiducia degli italiani nei confronti della scuola

Eurispes: cresce la fiducia degli italiani nei confronti della scuola

CONDIVIDI
  • Credion
Solo la fiducia nel Presidente della Repubblica tiene, sebbene con qualche scossone, mentre le più amate sono le forze dell’ordine; infatti Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza hanno raggiunto quote di consenso molto ampie.
Va bene anche per la Chiesa, che insieme alla scuola torna a crescere.
Il quadro è stato delineato dall’Eurispes nel Rapporto annuale 2012, presentato oggi a Roma, che fotografa la fiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni.
La Chiesa cattolica torna ai livelli del 2010 dopo il calo dello scorso anno (40,2%), attestandosi al 47,3%. Parallelamente, le altre confessioni religiose segnalano una lieve crescita rispetto al dato 2011 (22%) passando al 22,7% nel 2012. Lieve flessione anche per le associazioni di volontariato, che godono, comunque, di un consenso altissimo; bene anche per le associazioni dei consumatori che conquistano un buon risultato raccogliendo il 52,1%, ma con un calo rispetto al 55% dello scorso anno. In calo anche le associazioni degli imprenditori, così come soffrono la pubblica amministrazione, i sindacati e i partiti politici.
Cresce invece la fiducia nella scuola che nel 2011 raccoglieva il 43,7% dei consensi e che quest’anno arriva alla più alta percentuale dal 2009 al oggi del 48,9%.

Per quanto riguarda le prospettive di lavoro, circa il 60% dei giovani tra i 18 e i 34 anni e il 57,1% tra i 25-34enni si dichiara disponibile a lasciare l’Italia. Il dato scende al di sotto del 50% tra i 35-44enni (45,2%) per poi calare tra i 45-64enni (35%) e ancor di più tra gli ultra sessantacinquenni (20,5%). Tra le motivazioni principali, al primo posto le maggiori opportunità lavorative (22,9%) che gli Stati esteri sembrano offrire.