Home Alunni Evento “Erasmus Plus”. Partecipa al programma di mobilità anche l’Iti “Ferraris” di...

Evento “Erasmus Plus”. Partecipa al programma di mobilità anche l’Iti “Ferraris” di San Giovanni La Punta

CONDIVIDI

L’iniziativa organizzata a Firenze dall’Agenzia nazionale Erasmus+ Indire nell’ambito del Festival d’Europa 2015 prevede varie performance fra musica, arte e teatro, momenti di approfondimento, laboratori artistici e multimediali nonché un “flash mob” con oltre 200 alunni e studenti universitari in contemporanea in 14 Paesi.

 

Intanto, ci viene segnalato che nella provincia etnea l’istituto tecnico “G. Ferraris”, che si articola in quattro indirizzi (Elettronica, Energia, Grafica, Informatica, oltre al “Corso sportivo”) ed è una struttura presente nel cosiddetto “Polivalente” di San Giovanni La Punta, partecipa in qualità di partner a quattro progetti “Erasmus Plus”. Si stanno già raccogliendo le disponibilità alla partecipazione, in considerazione anche del fatto che le attività, che dovrebbero essere  approvate nei prossimi mesi, riguardano sia quelle da compiere a scuola sia quelle in trasferta.

I progetti che, se approvati, riguarderanno l’Itis “Galileo Ferraris”, il cui preside è il prof. Lucio Pricoco, dirigente scolastico molto attivo, partecipe alle iniziative che coinvolgono gli studenti e rispettoso dell’autonomia didattica dei docenti, sono quattro:

1) KA1 “IGEA” (Internship in Green Economy Abroad): tirocinio di tre mesi in uno dei seguenti Paesi europei: Svezia, Germania, Portogallo, Spagna, Irlanda; riservato a neodiplomati negli aa.ss. 2014/2015 e 2015/2016;
2) KA1 “Youths Transit into the Labour Market“: tirocinio breve (due-quattro settimane) per studenti ed ex-studenti in Paesi europei (requisito alla partenza: età compresa fra 17 e 21 anni);
3) KA2 “EU Employment Skills“: durata 3 anni; attività a scuola e sul territorio per gruppi di studenti e docenti, mobilità breve (5-6 giorni) in Finlandia, Danimarca, Germania, Francia, Spagna per piccoli gruppi di studenti (3-4) e ricezione di 30 fra studenti e docenti nel mese di marzo 2017. Alloggio presso famiglie ospitanti (“host family”);
4) KA2 “The potential of Sport“: durata due/tre anni; attività di ricerca a scuola e mobilità breve (5-6 giorni) in Danimarca, Estonia, Lettonia, Germania. Temi di lavoro legati allo sport. Attività sportive transnazionali. A Catania potranno venire, presumibilmente a settembre 2016, sei studenti per Nazione coinvolta. Alloggio degli studenti presso famiglie “host”.

Nel caso delle attività KA2 si precisa che l’impegno a scuola difficilmente supererà un giorno a settimana, spesso sarà anche minore, dato che si tratta di progetti che dureranno per più anni. La partecipazione proficua a queste attività sarà determinante per decidere chi potrà partire per incontrarsi con gli studenti delle scuole europee partner.

 

Ma cosa contiene esattamente il programma “Erasmus Plus” che alcuni ancora scambiano per il vecchio progetto Erasmus? Si tratta di un programma dell’Unione europea, valido dal 2014 al 2020, dedicato all’istruzione, alla formazione, alla gioventù e allo sport.

In sostanza è proprio un “contenitore” dei programmi di apprendimento e mobilità offerti dall’Ue, che sono stati raccolti sotto un unico nome. Il nuovo programma è diviso in tre “attività chiave”, ognuna delle quali rappresenta un diverso settore.

In particolare sono sette i progetti contenuti in “Erasmus+”, tra i quali The Lifelong Learning Programme (LLP o Programma di apprendimento permanente) ovvero quello che gestiva i progetti Erasmus, Leonardo da Vinci Vet, Placement, Comenius, Grundtvig.
Oltre ai setti programmi specifici verranno inoltre finanziati progetti in materia di integrazione europea con dibattiti e scambi orientativi, anche per rafforzare il dialogo tra mondo accademico e responsabili politici (Programma “Jean Monnet”), nonché di cooperazione europea sullo sport, come ad esempio progetti di collaborazione transnazionali per combattere il doping, promuovere attività sportive amatoriali, di rafforzamento delle conoscenze delle attuali politiche sullo sport attraverso ricerche, raccolta dati e organizzazione di network e seminari.

CONDIVIDI