Home Politica scolastica Faraone ai dirigenti scolastici: “La Buona Scuola è già in atto”

Faraone ai dirigenti scolastici: “La Buona Scuola è già in atto”

CONDIVIDI
webaccademia 2020

“Cari dirigenti scolastici,  iniziato un nuovo anno scolastico, un anno veramente nuovo, di cambiamenti rivoluzionari. La Buona Scuola è diventata legge e grazie ad essa ogni istituto scolastico del nostro Paese avraà più risorse e nuove opportunita’ per rispondere alle esigenze degli studenti e della societa’ intera. Realizzando davvero l’autonomia”. Lo scrive il sottosegretario all’Istruzione, Davide Faraone, sul suo blog Cambiamenti.

“Abbiamo dato più  forza e più responsabilità – continua – a ciascun componente della comunità scolastica: ai dirigenti scolastici, al Collegio dei docenti, al Consiglio d’Istituto con al suo interno docenti, genitori e studenti. L’unico ruolo che viene ridimensionato è quello del Ministero. Una nostra scelta ben precisa, presa in virtu’ del rafforzamento dell’autonomia scolastica”.

“Le scuole sono autonome, sulla carta, da oltre 15 anni – spiega – ma solo adesso, grazie alla legge 107, hanno risorse economiche e professionali per far si’ che le scelte educative possano essere sempre più consapevoli, basate sulle diverse realtà, e compiute utilizzando l’autonomia come strumento fondamentale per realizzare gli obiettivi”.

ICOTEA_19_dentro articolo

Nella lettera rivolta ai dirigenti scolastici, il Sottosegretario esamina poi in dettaglio i nuovi strumenti che la legge 107/2015 mette a disposizione della comunità scolastica per realizzare l’autonomia, fornendo indicazioni su come utilizzarli al meglio: il piano dell’offerta formativa, l’organico dell’autonomia, le risorse per la formazione e l’aggiornamento dei docenti, il fondo di funzionamento degli istituti.

“La vera sfida, quella più importante che vi attende è saper utilizzare i nuovi spazi di flessibilità per gestire risorse e personale rispondendo così alle richieste degli studenti e del contesto sociale, culturale e produttivo.

Vi ringrazio – conclude – per il vostro lavoro e per il vostro impegno, auguro a voi e a tutto il personale delle Istituzioni scolastiche che dirigete un buon anno scolastico”. 

Preparazione concorso ordinario inglese