Home Precari Fatto il trasferimento, trovata la fuga

Fatto il trasferimento, trovata la fuga

CONDIVIDI
webaccademia 2020

In un articolo pubblicato su Il Fatto Quotidiano si possono leggere le mosse di una sorta di “ toccata e fuga” rivelate da un insegnante che ha accettato il trasferimento nella fase B.


Nell’articolo si scrive: “Un docente ha già la soluzione pronta e non ne fa mistero: io sono stato il primo a dire che ho le valigie pronte, ma solo per prendere servizio, non certo per trasferirmi fuori. Ho tre bambini piccoli e madre anziana: sono sei mesi di congedo parentale per figlio e due anni di aspettativa per assistere mia mamma grazie alla 104. Penso proprio che la scuola dove sarò assegnato
mi vedrà poco”.
Nel forum c’è chi è d’accordo (“è una bellissima risposta ad un pessimo ricatto”, “bravo, rientra nei tuoi diritti”), chi meno (“soluzione da furbo. Onesto sarebbe stato dire: non posso spostarmi, non faccio domanda”).
Ma il diretto interessato non accetta lezioni: “Sono più di 10 anni che alterno supplenze perché amo i bambini, ho sempre svolto con passione il mio lavoro. Ma andare fuori ad insegnare per me è veramente troppo. Non posso permettermi di abbandonare la famiglia e allo stesso tempo non posso permettermi di non lavorare”.
Da quanto scritto, non è difficile prevedere difficoltà organizzative sul piano didattico, per tutti quei Dirigenti scolastici che si vedranno svuotare le cattedre assegnate nella fase B delle immissioni in ruolo volute dalla legge 107/15, a tutto danno degli studenti.

ICOTEA_19_dentro articolo
Preparazione concorso ordinario inglese