Home Archivio storico 1998-2013 Generico “Figlio lascia questa croce”, il 24 settembre a Villafrati (PA)

“Figlio lascia questa croce”, il 24 settembre a Villafrati (PA)

CONDIVIDI
  • Credion

Il recital è inserito nell’ambito della manifestazione dal titolo “Il Culto del Santissimo Crocifisso in Sicilia” convegno studi organizzato dal Comune di Villafrati nel quale interverranno Ignazio Buttitta, Università degli Sudi di Palermo – Presidente della fondazione Buttitta;  Sergio Bonazinga, Università degli Studi di Palermo, Luigi Lombardo, etnoantropologo, Provvidenza Cuccia, dott.ssa in antropologia culturale ed etnologia e Giuseppe Di Miceli, studioso di tradizioni popolari – Presidente dell’Ass. Culturale Prospettive di Mezzojuso

“Figlio lascia questa croce” di Sara Favarò, atto unico, è il dialogo tra la Madre e il Figlio crocifisso, arricchito da canti e poesie, rappresentato in due versioni: in siciliano o in italiano.
Una crocifissione che si perpetua nel tempo lungo dell’egoismo e dell’indifferenza. Una Madre che è mamma di ogni figlio morto in guerra, di ogni figlio costretto ad elemosinare amore, lavoro, giustizia, comprensione.
Un Figlio che viene crocifisso ogni giorno mentre “scappa” in cerca di pace, di un pezzo di pane. Un Figlio deriso, umiliato, offeso, privato della sua dignità di uomo!
Apre il recital il canto aramaico “In Bethlehem” che, secondo la tradizione popolare, era la ninna nanna cantata dalla Vergine Maria al neonato Gesù. Tre i protagonisti in scena: Ermelinda Gatto, mezzo soprano; Carlo Greca, attore; Sara Favarò, attrice –  cantante.