Home Generale Flc-Cgil Sicilia: eletta la segreteria regionale

Flc-Cgil Sicilia: eletta la segreteria regionale

CONDIVIDI
  • Credion

E’ stata eletta nel corso dell’Assemblea generale della Flc Cgil Sicilia, che si è tenuta ad Enna, la segreteria regionale. Dell’organismo, presieduto dal segretario generale Adriano Rizza, entrano a far parte: Angela Accascina, ex segretaria della Flc Enna; Fabio Cirino, segretario della Flc Palermo; Fiorella Borgesi, amministrativa settore Afam, sindacalista della Flc Trapani; Katia Perna, dirigente scolastica, sindacalista della Flc Catania; Paolo Italia, ex segretario della Flc Siracusa; Pietro Patti, segretario della Flc Messina.

“Con l’elezione della segreteria – commenta Adriano Rizza – la nostra organizzazione si dota di un importante strumento per la programmazione e l’attuazione delle nostre politiche sindacali, per la difesa dei diritti dei lavoratori e la promozione dei settori della conoscenza. Si tratta di persone molto competenti, da anni impegnate nei territori, che ringrazio per la loro disponibilità e alle quali faccio gli auguri di buon lavoro”.

Icotea

“Dopo un anno e mezzo di pandemia – dichiara Alfio Mannino, segretario regionale della Cgil Sicilia – la scuola ha di fronte a sè la grande sfida della ripartenza. La didattica a distanza se, da un lato, è stato uno strumento utile per affrontare l’emergenza, dall’altro, ha aggravato il fenomeno della dispersione e dell’abbandono scolastico”.

“Ci auguriamo che la politica e le istituzioni facciano tesoro di questi insegnamenti – aggiunge Mannino – e finalmente si misurino con questa complessità. In una regione come la Sicilia, che presenta molti gap, abbiamo bisogno di più personale per ridurre il numero di alunni per classe, di interventi sull’edilizia scolastica, di aumentare il tempo scuola per consentire agli studenti siciliani di avere le stesse opportunità dei loro coetanei del Centro Nord”.

Nel corso dell’assemblea sono intervenuti Giovanni Impastato, fratello di Peppino, il sindacalista di Cinisi ucciso dalla mafia nel 1978, che ha presentato il suo libro “Mio fratello. Una vita con Peppino” e Maria Letizia Colajanni, rappresentante dell’Anpi Sicilia per la stipula di un protocollo d’intesa per la promozione dell’antifascismo nelle scuole.