Home Attualità Giannini o Fedeli, chi è stata migliore come Ministro dell’Istruzione? Sceglilo tu!

Giannini o Fedeli, chi è stata migliore come Ministro dell’Istruzione? Sceglilo tu!

CONDIVIDI

Continua la sfida sulla nostra pagina Facebook per decretare il miglior Ministro dell’Istruzione degli ultimi 35 anni.
Infatti, in occasione dei 70 anni della Tecnica della Scuola (anniversario che si celebrerà il prossimo 10 maggio) sulla pagina Facebook della casa editrice saranno i lettori della fanpage della Tecnica a scegliere chi si è dimostrato più “bravo” a dirigere il ministero di Viale Trastevere.

Dopo il primo sondaggio che vedeva scontrarsi Riccardo Misasi e Franca Falcucci, ed il secondo match fra Letizia Moratti e Luigi Berlinguer, si è conclusa la terza sfida, fra Maria Stella Gelmini e Francesco Profumo. A vincere il confronto, è stato il secondo, che ha battuto nettamente la sfidante, come si può vedere sotto:

ICOTEA_19_dentro articolo

Il primo match è stato vinto da Franca Falcucci, che ha battuto Riccardo Misasi, nel sondaggio che è partito il 30 aprile e che si è concluso nel primo pomeriggio del primo maggio:

La seconda sfida, invece, ha visto Luigi Berlinguer trionfare nettamente su Letizia Moratti, nel secondo sondaggio concluso il 3 maggio.

Nella serata del 4 maggio è partita invece l’ultima sfida che chiude la prima fase di questa “competizione”: Stefania Giannini contro Valeria Fedeli.

Ricordiamo che la rosa dei contendenti si è ristretta su otto nomi: Riccardo Misasi (dal 1969-1972 e poi dal 1991 al 1992), Franca Falcucci (dal 1982 al 1987), Luigi Berlinguer (dal 1996 al 2000), Letizia Moratti (dal 2001 al 2006), Mariastella Gelmini (dal 2008 al 2011), Francesco Profumo (dal 2011 al 2013), Stefania Giannini (dal 2014 al 2016) e Valeria Fedeli(dal 2016 al 2018).

Per ragioni squisitamente tecniche e organizzative, la scelta è ricaduta sui personaggi politici che hanno ricoperto la carica per più tempo e hanno lasciato un segno tangibile sulla scuola.

Sono stati fatti, dunque, dei tagli “dolorosi” lasciando fuori dalla “competizione” personaggi di spicco come Tullio De Mauro o Mariachiara Carrozza, ad esempio.

Discorso a parte per l’attuale ministro dell’Istruzione, Marco Bussetti, essendo ancora in carica non si può fare alcuna valutazione completa sul suo operato.