Home Archivio storico 1998-2013 Generico Gli aumenti di stipendio ci sono

Gli aumenti di stipendio ci sono

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La questione del ripristino degli scatti di anzianità si sta ormai trasformando in una battaglia fra sigle sindacali.
Da un lato Cisl, Uil, Snals e Fgu-Gilda che rivendicano di essere riusciti ad ottenere l’assenso del ministro Tremonti in merito all’utilizzo delle risorse legate ai risparmi derivanti dalle riduzioni di organico previste dalla legge 133/08; dall’altro la Flc-Cgil che fino a pochissimi giorni fa continuava a sostenere che non ci sarebbe stato nessun recupero e che si trattava dell’ennesima “bolla” mediatica del Governo Berlusconi.
Poi nella giornata del 19 gennaio, il decreto è stato reso pubblico: la soddisfazione per l’esito della vicenda è pressoché generale; non altrettanto unanimi sono le valutazioni.
Come era prevedibile Cisl-Scuola sottolinea ancora una volta che il decreto “è un grande risultato, frutto di un’azione intelligente e determinata condotta in una situazione di straordinaria difficoltà”.
La Flc, per parte sua, evidenzia invece che nulla è certo per quanto concerne gli anni successivi al 2010.
Immediata la replica della Cisl che fa rilevare come l’articolo 4 del decreto “già prefigura le modalità da seguire per recuperare gli scatti anche negli anni successivi al 2010”.
Ma Scrima, segretario nazionale della Cisl-Scuola, non si lascia sfuggire l’occasione per una battuta al veleno chiaramente indirizzata alla Flc di Mimmo Pantaleo: “Chi ha lavorato con impegno e fatica per costruire le intese queste cose le sa; la preoccupata denuncia di altri assomiglia ad una ‘scoperta dell’acqua calda’, di cui fatichiamo a comprendere il senso e l’utilità”.
Una ulteriore conferma (ma ormai non ce n’è più bisogno) che i tempi in cui Flc e Cisl-Scuola scendevano in piazza insieme sono un lontano ricordo.

Preparazione concorso ordinario inglese