Home Personale Gli stipendi dei prof italiani al palo, ma non quelli dei colleghi...

Gli stipendi dei prof italiani al palo, ma non quelli dei colleghi europei

CONDIVIDI

Ma non basta, fa sapere il rapporto: sui 33 Paesi europei, in circa la metà il potere d’acquisto degli insegnanti nel 2014 risulta inferiore rispetto al livello del 2009.

La riduzione del potere d’acquisto degli insegnanti è inferiore al 3% in Belgio, Danimarca, Austria, Finlandia e, nella scuola secondaria superiore, Italia. E’ stato invece registrato un calo compreso tra il 5 e il 10% in Italia per quanto riguarda la scuola primaria e secondaria inferiore, Olanda, Portogallo, Regno Unito e Romania.

In altri Paesi come Irlanda, Spagna e Slovenia gli insegnanti hanno subito una riduzione del potere d’acquisto che va dal 13 al 17%, mentre il calo più drastico è avvenuto in Grecia, con una riduzione del 40%.

Icotea

La relazione è stata pubblicata alla vigilia del 5 ottobre, giornata mondiale degli insegnanti, che commemora l’adozione nel 1966 della Raccomandazione Ilo-Unesco sulla condizione del personale docente. Ma conferma la tendenza già rilevata dall’Ocse, che nell’ultimo rapporto sull’istruzione ha evidenziato che in Italia il salario medio degli insegnanti della scuola primaria e secondaria inferiore è diminuito, in termini reali, del 2% tra il 2008 e il 2012.

Il sondaggio su cui la relazione si basa ha coinvolto 33 Paesi e in sedici di essi i prof hanno registrato aumenti di stipendio (Belgio, Danimarca, Germania, Estonia, Francia, Croazia, Ungheria, Lussemburgo, Malta, Austria, Slovacchia, Finlandia, Regno Unito, Norvegia, Macedonia e Turchia).  In Italia invece tutto ciò non è avvenuto e infatti da noi il salario di un insegnante può andare dal minimo dei docenti di scuola primaria e pre-primaria, che a inizio carriera guadagnano uno stipendio base di 23.048euro lordi annui, al massimo di un professore di scuola superiore con laurea universitaria, che può arrivare a guadagnare a fine carriera, quindi dopo una media di 35 anni di servizio, a 38.902 euro.

La media dei salari è di 27.700 euro per gli insegnanti di pre-primaria e primaria, 29.207 euro per gli insegnanti delle scuole medie e 31.622 euro per i professori di scuola superiore con laurea universitaria.

Per quanto riguarda la perdita di potere di acquisto, è stata relativamente moderata fra il 2013-2014 e il 2009 per gli insegnanti della scuola secondaria superiore (meno del 3%), mentre fra il 5 e il 10% per gli insegnanti della scuola primaria e secondaria inferiore.