Home Alunni Gli studenti che hanno vinto i mondiali di robotica

Gli studenti che hanno vinto i mondiali di robotica

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Gli studenti di terza, quarta e quinta, e capitanata dal leader Matteo Rampazzo, dell’istituto esibiscono con fierezza le t-shirt nere di rappresentanza: «Ancora una volta l’Italia si è issata sul tetto del mondo ai campionati mondiali di robotica. Un bel messaggio da tramandare ai nostri compagni più giovani a cui auguriamo di ripetere le nostre imprese».

La notizia dettagliata sulla Stampa

Giorgio Fontana e Simone Bordignon, allievi diciottenni di Santhiá, sin dalla prima si sono distinti per le doti informatiche. Rispetto all’affermazione del 2017 questa è stata ancora più difficile e inaspettata in quanto ottenuta da team leader.

ICOTEA_19_dentro articolo

Il progetto robotica è attivo dal 2013  e gli allievi dell’indirizzo scienze applicate posso partecipare in modo autonomo e facoltativo.

La competizione a livello mondiale è organizzata dalla Nasa insieme al Mit e aveva come obiettivo quello di agganciare un mini-satellite all’interno della Stazione spaziale internazionale che gira a 28 mila chilometri orari su un’orbita 400 chilometri sopra le nostre teste.

due squadre italiane

Solo due squadre ce l’hanno fatta, ed entrambi sono italiane: sul gradino più alto del podio il liceo vercellese Avogadro, l’argento l’ha conquistato il liceo livornese Cecioni col team del “Crab Nebula”.

Il risultato è ancor più fuori dal comune se si pensa che il liceo scientifico livornese – 1.500 studenti e un quintetto di indirizzi – ha mandato alla finalissima mondiale anche un altro team: il “Proxima Centauri”. Un’accoppiata che ha pochi eguali: fra i concorrenti italiani solo nel liceo vercellese vincitore, nel resto del mondo solo in due istituti d’eccellenza rumeni (uno a Timisoara e l’altro a Sibiu).

La seconda squadra ha mancato per un niente la finalissima tra Boston e Alicante.

Preparazione concorso ordinario inglese