Home Mobilità Graduatorie interne e docenti che assistono i genitori

Graduatorie interne e docenti che assistono i genitori

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Nell’incertezza più assoluta, su come sarà fatto l’organico 2015/2016, e sulla sorte che toccherà ai possibili nuovi soprannumerari, a quelli veterani che richiedono di rientrare nelle scuole di vecchia titolarità, ai docenti in esubero che sperano tantissimo in un organico funzionale che li riassorba nelle loro vecchie scuole, si sta procedendo ad attivare la complessa macchina della prossima mobilità nella scuola.
In attesa dell’ordinanza ministeriale sulla mobilità 2015/2016, che dovrebbe essere emanata per la metà del prossimo mese, i docenti stanno già facendo i conti dei loro punteggi riferiti alla graduatoria interna d’Istituto per l’individuazione dei perdenti posto. A tal proposito bisogna sapere che i docenti trasferiti dal 1 settembre 2014 in una data scuola a domanda volontaria, non vengono graduati all’interno della suddetta graduatoria secondo il loro punteggio, ma vengono accodati. Ovviamente tra gli accodati precederà chi ha un maggior punteggio. Tuttavia se il docente arrivato per trasferimento a domanda volontaria in tale scuola, dovesse godere dei benefici della legge 104/92, in quanto assiste un genitore, riconosciuto persona handicappata in stato di gravità ai sensi dell’art. 3, comma 3, della suddetta legge, verrà escluso dalla graduatoria interna per i perdenti posto e quindi non verrà accodato come gli altri. Bisogna anche specificare che la su citata esclusione si applica solo se si è titolari in scuola ubicata nella stessa provincia del domicilio dell’assistito, altrimenti non si deve ovviamente applicare alcuna esclusione.

 

 

ICOTEA_19_dentro articolo

{loadposition eb-prova}

 

 

Qualora la scuola di titolarità sia in comune diverso o distretto sub comunale diverso da quello dell’assistito, l’esclusione dalla graduatoria interna per l’individuazione del perdente posto si applica solo a condizione che sia stata presentata, per l’anno scolastico 2015/2016, domanda volontaria di trasferimento per l’intero comune o distretto sub comunale del domicilio dell’assistito o, in assenza di posti richiedibili, per il comune o il distretto sub comunale viciniore a quello del domicilio dell’assistito con posti richiedibili. Adesso attendiamo l’ordinanza ministeriale sulla mobilità, che appunto dovrebbe essere resa pubblica nel mese di febbraio, dove troveremo specificate ancora meglio, tante particolarità sulla compilazione delle graduatorie interne d’istituto.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese