Home Aggiornamento docenti I 500 euro sono arrivati a 650mila insegnanti

I 500 euro sono arrivati a 650mila insegnanti

CONDIVIDI
  • Credion

Nonostante i dubbi degli scettici e le proteste di chi continua a dichiarare di voler rifiutare il “bonus”, i 500 euro per le attività di aggiornamento e formazione sono stati accreditati oggi suo conto bancario di almeno 650mila docenti.

Altri 50mila lo riceveranno a dicembre subito dopo essere stati assunti con la fase C.
In totale si tratta di più di 350 milioni di euro che sono stati stanziati con la legge 107 e che, se non cambieranno le regole, rimarranno anche per gli anni a venire.
Le modalità di rendicontazione non sono ancora state definite con precisione e quindi, almeno in una prima fase, è bene che i docenti prestino attenzione alla documentazione da acquisire di volta.
Fatture e ricevute nominative intestate all’insegnante e riportanti l’oggetto acquistato possono essere certamente sufficienti per documentare spese per software e hardware.

Icotea

{loadposition bonus}

Così come andrà certamente la copia del bonifico per il pagamento di corsi universitari.
Qualche dubbio può invece esserci per scontrini e altri documenti di spesa che non riportano il nome dell’acquirente e c’è da augurarsi che il Ministero chiarisca la questione  al più presto.
Attenzione anche alle spese per la partecipazione a corsi di aggiornamento, in quanto la legge stabilisce che si possono considerare solo le attività promosse da enti e associazioni accreditate presso il Ministero.
E’ confermato infine che il bonus riguarda solo i docenti di ruolo e non i precari come peraltro era chiaramente previsto dalla legge 107.

[Sondaggio id=”20″]

GLI APPROFONDIMENTI

La Legge n. 107 del 13 luglio 2015

Il DPCM del 23 settembre 2015

La nota del Miur del 15 ottobre 2015