Home Archivio storico 1998-2013 Generico I diritti dell’Infanzia per un mondo senza violenza, summit a Roma

I diritti dell’Infanzia per un mondo senza violenza, summit a Roma

CONDIVIDI
  • Credion
Quest’anno, sarà la voce di un ragazzo del Rajastan, Om Prakash, portato via all’età di cinque anni ai suoi genitori, e per tre anni costretto a lavorare nei campi per compensare un debito familiare, a parlare di non violenza e di diritti dell’infanzia all’8° Summit Mondiale dei Premi Nobel per la Pace.
Come ogni anno si terrà a Roma, dal 13 al 15 dicembre in Campidoglio organizzato dal Segretariato Permanente dei Summit dei Premi Nobel per la Pace.
Om Prakash è stato insignito dell’International Children’s Peace Prize per il suo impegno contro il lavoro minorile e la schiavitù. Il premio, istituito nel 2005, nel corso del 6° Summit dei Premi Nobel per la Pace, dalla Fondazione The KidsRights Foundation in conjunction with Nobel Peace Prize Laureates headed by Mikhail Gorbachev, launched the International Children’s Peace Prize in 2005 in Rome.
KidsRights, consiste in una statuetta, il “Nkosi” e in un fondo per progetti a favore dei diritti dell’infanzia.
Om Prakash racconterà agli studenti delle scuole superiori romane la sua esperienza e quella di migliaia di bambini asiatici che ogni anno vengono venduti per essere impiegati illegalmente nella produzione di tappeti o nelle miniere. Fu salvato dai militanti di Bachpan Bachao Andolan, un’associazione indiana. Fu curato in un centro di riabilitazione per ex bambini schiavi e mandato a scuola. La dura esperienza non lo ha piegato anzi lo ha incoraggiato a lottare The International Children’s Peace Prize is awarded every year to a child, who has devoted him/herself to upholding Child Rights. a favore della scolarizzazione gratuita e per garantire ai bambini regolari certificati di nascita, primo, fondamentale passo per proteggerli dalla schiavitù, dalla tratta, dai matrimoni forzati, ecc.. Il 3 aprile scorso, oltre duecento bambini sono scesi in piazza a New Dehli per protestare contro il lavoro minorile e chiedere al governo di intervenire, stesso giorno in cui la città accoglieva il summit del Saarc, l’associazione dell’Asia del sud per la cooperazione regionale.
E a Ottobre, l’India che ha più di 12 milioni di piccoli lavoratori, ha introdotto India, which has more than 12 million child workers, introduced a new law in October banning children under 14 from working as domestic servants or on food stalls.una nuova legge che vieta di lavorare a chi ha meno di 14 anni.
L’Incontro di venerdì 14 dicembre, nell’ambito del Summit di Roma, è un’iniziativa congiunta tra la Fondazione KidsRights e l’Associazione Athenaeum N.A.E., in collaborazione con l’Ospedale Fatebenefratelli. Porteranno il loro saluto il Vice-Sindaco di Roma, on. Mariapia Garavaglia, e il Padre Priore dell’Ospedale, Fra Geminiano Corradini.
Interverranno poi tre Premi Nobel per la Pace: Mons. Carlos Filipe Ximenes Belo, già Arcivescovo di Dili, Timor Est, che si è battuto per far conoscere alle Istituzioni internazionali e al mondo la terribile condizione di violenza e oppressione in cui ha vissuto il suo popolo; Mairead Corrigan e Betty Williams, co-fondatrici di Women for Peace e Community for Peace People, che con la loro opera e la loro capacità di coinvolgimento hanno avviato il processo di pace tra la comunità cattolica e quella protestante in Irlanda del Nord.
Nel corso dell’incontro, il cui scopo è quello di stimolare un dibattito tra i giovani e di essere occasione per ‘passare il testimone’ dai Premi Nobel alle nuove generazioni – non a caso il tema del Summit, quest’anno, sarà proprio: “The Next generation” – verrà lanciata la “Carta per un Mondo senza Violenza”.