Home Estero Il discorso del premio Nobel, Dylan, agli accademici di Svezia

Il discorso del premio Nobel, Dylan, agli accademici di Svezia

CONDIVIDI

Dopo molti mesi di attesa, finalmente Bob Dylan ha prodotto uno scritto nel quale ha elencato e spiegato una serie di elementi ispiratori che fanno parte del suo mondo letterario: “Se dovessi risalire alla genesi di tutto, immagino che dovrei cominciare da Buddy Hollie. Buddy è morto quando avevo circa 18 anni e lui 22”. Ma ci sono pure Erich Maria Remarque, Miguel de Cervantes, Jonathan Swift, Walter Scott, Herman Melville tra le sue fonti d’ispirazione e  che compongono il suo pantheon poetico.

 

{loadposition carta-docente}

Icotea

 

Il cantautore, premio Nobel per la letteratura 2017, li ha elencati nel discorso consegnato all’Accademia di Svezia, grazie al quale potrà ricevere gli oltre 800mila euro di compenso.

 “Avevo principi e sensibilità e una visione del mondo. Li avevo da un certo momento, appresi alla scuola elementare. Don Chisciotte, Ivanhoe, Robinson Crusoe, i Viaggi di Gulliver, il Racconto delle due città e tutto il resto: letture classiche della scuola elementare, che formano il vostro modo di vedere il mondo , che vi forniscono una comprensione della natura umana e un metro per misurare le cose. Mi sono servito di tutto questo quando ho cominciato a scrivere testi di canzoni”, ha detto ancora Dylan.

“Moby Dick – ha proseguito – è un testo affascinante, un libro pieno di scene di dramma intenso e di dialoghi drammatici (…). Tutto è mescolato. Tutti i miti: la Bibbia giudaico-cristiana, le leggende britanniche, San Giorgio, Perseo, Ercole: tutti cacciatori della balena. Noi non vediamo che la superficie delle cose. Noi possiamo interpretare ciò che è al di sotto”.

Invece per quanto riguarda “Niente di nuovo sul fronte occidentale” di Remarque, Dylan parla di una “storia d’orrore, una storia che vi fa perdere l’infanzia, la vede in un mondo razionale, l’empatia per l’altro. Siete presi in un incubo, aspirati in un tourbillon di morte e dolore(…). Ho lasciato questo libro, l’ho chiuso. Non volevo più leggere romanzi sulla guerra e non ne ho mai più letto un altro”.