Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Il Garante per l’Infanzia invia ai nuovi parlamentari i cinque punti da...

Il Garante per l’Infanzia invia ai nuovi parlamentari i cinque punti da attuare a tutela dei minori

CONDIVIDI
  • Credion
“Sono quasi due milioni i bambini e gli adolescenti che vivono in famiglie povere. A loro vengono negati i diritti fondamentali: istruzione, salute, inserimento sociale. Per questo c’è certamente bisogno di un Parlamento e di un Governo con una visione chiara sulle prospettive da dare all`Italia e alle nuove generazioni”. Così ha scritto il 26 marzo sul Corriere della Sera, Vincenzo Spadafora, Autorità Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, rivolgendosi ai nuovi parlamentari ed ai Presidenti di Camera e Senato. Per poi ripetere il concetto allo stesso Piero Grasso, neo eletto alla presidenza di Montecitorio, nel corso di una visita alla Camera.
In questi giorni, durante i quali, dopo le consultazioni con il Presidente Napolitano, si attende di conoscere le prime proposte di Governo, il Garante Spadafora con la sua lettera indica alla politica cinque punti fondamentali in materia di minori: “Garantire ad ogni bambino ed adolescente che vive in Italia, dentro o fuori la propria famiglia, strumenti e risorse per un livello di vita dignitoso. Definire i livelli essenziali delle prestazioni, senza disuguaglianze nell`accesso a opportunità e diritti. Investire nel sostegno allo studio e rimuovere le cause della dispersione scolastica. Assicurare il diritto alla cittadinanza dei figli di immigrati residenti in Italia. Promuovere la riforma della giustizia minorile, anche per garantire alle persone di minore età coinvolte in procedimenti civili o penali una giustizia a loro misura. Fare in modo che le politiche per l`infanzia e l`adolescenza abbiano una chiara regia, evitando che l`eccessiva suddivisione delle competenze sia sinonimo di dispersione delle risorse col rischio di compromettere i risultati”.
Per Spadafora non si può rimanere più indifferenti a realtà disagiate, che negano ai bambini i loro diritti primari. E questo Parlamento è in grado di comprenderlo, perché “raccoglie molte donne, tanti giovani e porta nelle istituzioni nuove sensibilità ed esperienze professionali importanti: insieme al prossimo Governo – continua il Garante – mettano fra le priorità della propria agenda bambini e adolescenti e risolvano alcune questioni sul tappeto da troppo tempo. Li vediamo ogni giorno, nelle nostre case, per le strade, in tv. Spesso ci riempiono la vita, e sono loro ad insegnarci le vere priorità”. Complessivamente, in Italia fra bambini e adolescenti si contano 11 milioni di “cittadini: uso questi termini – conclude Spadafora – perché i bambini e gli adolescenti sono già persone, già cittadini”.
L’appello è chiaro. Ora si attendono risposte. Possibilmente concrete.