Home I lettori ci scrivono Il Governo proseguirà la strada intrapresa?

Il Governo proseguirà la strada intrapresa?

CONDIVIDI
webaccademia 2020

L’ ex Ministro della (PUBBLICA) Istruzione Tullio De Mauro, riferiva le seguenti conclusioni: “… La parte di popolazione italiana che è al di sotto di quelli che vengono ritenuti i livelli minimi di comprensione di un testo scritto, sono un po’  più  del 70% della popolazione, se la domanda è un po’ più complessa e richiede una buona conoscenza, ma anche una buona capacità di utilizzazione della conoscenza, pieno esercizio dell’alfabetizzazione funzionale, della capacità di orientarsi di fronte al testo scritto e di produrlo, la percentuale addirittura degli inefficienti arriva all’80 %, 8 su 10 hanno difficoltà a utilizzare quello che ricavano da un testo scritto, 7 su 10 hanno difficoltà abbastanza gravi nella comprensione,  5 milioni di italiani hanno completa incapacità di lettura … ”.

Tali conclusioni si riferiscono e valgono per i RECENTI 25 anni “renzusconiani”, oppure per quell’ Italia che votò il fascismo?

Si riporta una – esemplificativa – Risposta alla Domanda qui sopra esposta : “… nell’ Italia del terzo millennio, come  in quella del medioevo,  comandano le corporazioni . Dinastie accademiche, alta burocrazia, sindacati, associazioni di categoria. E poi notai, farmacisti, giornalisti, avvocati. E tassisti. Non riusciamo a fare a meno delle tribù. Che dialogano col potere in modo, spesso, poco trasparente… Le cronache politiche sono piene di queste vicende. I giornali raccontano di assalti alla diligenza nei corridoi parlamentari, lobbisti in agguato fuori dalle commissioni. Esponenti di questa o quella categoria pronti a proporre l’emendamento giusto al deputato più disponibile. In alcuni casi non serve nemmeno alzare troppo la voce, molti ordini professionali siedono già in Parlamento. La quota di deputati appartenenti a qualche ordine è l’unica cosa che continua a crescere nell’economia italiana» scriveva qualche anno fa Tito Boeri nella prefazione del libro “Dinastie d’Italia”.

ICOTEA_19_dentro articolo

“Nella XVI legislatura ci sono ben 338 tra avvocati, medici, ingegneri, commercialisti, architetti, notai, giornalisti e farmacisti in Parlamento. Più di un terzo del numero totale di deputati e senatori» …E non è difficile capire perché molte riforme restano bloccate … ”;

Pertanto, il Governo attuale (al momento) ha avviato ciò che va incontro al POPOLO scontrandosi con le ELITE; ma andrà fino in fondo? Durerà ?

Oppure, (scolasticamente parlando), la “regola Gattopardica” tornerà ad essere: “se in un prodotto cambiamo l’ordine dei fattori, il risultato non cambia?”

 

Vincenzo Rossi

Preparazione concorso ordinario inglese