Home Personale Il liceo classico, scuola formativa e rigorosa: salvarlo, non snaturarlo

Il liceo classico, scuola formativa e rigorosa: salvarlo, non snaturarlo

CONDIVIDI

Riconoscere, scomporre, astrarre e risolvere sono i passaggi obbligati per qualunque traduttore di latino o di greco. Tradurre non è semplicemente fare i compiti, significa affrontare problemi. Dunque fare il classico e tradurre dal latino e dal greco è la miglior palestra dove allenare il pensiero astratto.

“Frequentare i classici insegna ad affrontare la fatica quotidiana dello studio, che è fatica anche fisico-posturale”, scriveva Gramsci.

Il liceo classico, oggi, però, pur essendo una scuola formativa e rigorosa, viene visto con disappunto perché non alla moda, moderno o europeo, in linea con le competenze richieste dal mondo del lavoro.

ICOTEA_19_dentro articolo

Per affrontarla occorre infatti attuare una serie di operazioni mentali che sono tipiche di ogni metodologia razionale; senza contare che i linguaggi di un gran numero di saperi – non solo umanistici e filosofici, ma sociali, tecnici, artistici e scientifici – sono ampiamente costruiti su termini di origine greca e latina.

I ragazzi in uscita dagli studi liceali classici conseguono i risultati migliori in ambito universitario.

Per salvare e rilanciare il Liceo classico in Italia, tutto bisogna fare, fuorché snaturarlo.

Leggi anche

Il Liceo classico? Formativo, rigoroso e soprattutto utile…

CONDIVIDI