Home Attualità Il Nobel della matematica torna in Italia dopo 44 anni: va al...

Il Nobel della matematica torna in Italia dopo 44 anni: va al prof Figalli con la teoria del trasporto ottimale

CONDIVIDI
webaccademia 2020

La medaglia Fields, il riconoscimento che viene considerato una sorta di Nobel della matematica poiché maggiore riconoscimento mondiale della materia, torna in Italia dopo 44 anni: il 1° agosto è stata assegnata all’italiano Alessio Figalli.

Nato a Roma 34 anni fa, Figalli ha studiato nella Scuola Normale di Pisa. Dal 2016 è docente al Politecnico di Zurigo ed è il secondo italiano a ricevere questo premio, istituito nel 1936 e assegnato dall’Unione Matematica Internazionale. L’annuncio è stato dato a Rio de Janeiro, in apertura del Congresso internazionale dei matematici, in programma fino al 9 agosto.

Figalli si è laureato con un anno di anticipo

Assegnata ogni quattro anni a matematici che non abbiano compiuto 40 anni, la medaglia Fields è stata vinta da un italiano solo una volta, 44 anni fa. Nel 1974 era stata infatti assegnata a Enrico Bombieri, dell’Istituto di studi avanzati di Princeton e docente della Scuola Normale di Pisa dal 1974 al 1977.

ICOTEA_19_dentro articolo

Sempre alla Scuola Normale di Pisa ha studiato Figalli, dove ha ottenuto il dottorato a soli 23 anni. Figalli ed è stato premiato per le ricerche nella teoria del trasporto ottimale, che si occupa del modo più economico per trasportare oggetti da un luogo a un altro, e agli studi sulle equazioni a derivate parziali e sulla probabilità.

“Mi risulta difficile credere di averlo ricevuto”

“Questo premio mi dà tantissima gioia, è qualcosa di cosi grande che mi risulta difficile credere di averlo ricevuto”, ha detto all’Ansa il matamatico Alessio Figalli commentando l’assegnazione della medaglia Fields. Il riconoscimento, della portata di un Nobel, “è un grande stimolo per il futuro, che mi motiverà a continuare a lavorare nei miei settori di ricerca per cercare di produrre studi di altissimo livello”.

Nelle sue parole, c’è un mix di soddisfazione, emozione e soprattutto un grande debito di riconoscenza, da parte di Figalli, all’Italia e in particolare alla Scuola Normale di Pisa, dove si è laureato con un anno di anticipo e ha conseguito il dottorato in un solo anno.

“La medaglia Fields – ha detto ancora Figalli – premia la continuità di un lavoro che si è protratto nel tempo a partire dall’anno della laurea a Pisa e del dottorato di ricerca tra Pisa e Lione”.

Figalli, che all’età di 34 anni ha al suo attivo 140 pubblicazioni, è nato a Roma il 2 aprile 1984, dove ha studiato al liceo classico Vivona; nel 2002 è stato ammesso alla Scuola Normale di Pisa, dove si è laureato in meno di quattro anni, contro i cinque previsti dal piano di studio, seguito da Luigi Ambrosio, docente di Analisi matematica, con il quale ha conseguito il dottorato di ricerca nell’ottobre 2007, in un solo anno, svolgendo il secondo semestre del corso di perfezionamento presso l’École Normale Supérieure di Lione.

Il percorso da docente universitario

Nel 2008 ha avuto la docenza all’École Polytechnique di Parigi e nel 2009 nell’Università del Texas ad Austin, dove nel 2011 è diventato professore ordinario. Dal 2016 insegna nel Politecnico di Zurigo.

La medaglia Fields è il coronamento di una serie di importanti riconoscimenti scientifici, come quello della Società Europea di Matematica (2012), la Stampacchia Gold Medal (2015), l’O’Donnel Award in Science conferito dall’Accademia di Medicina, Ingegneria e Scienza del Texas (2016), il Premio Feltrinelli Giovani dell’Accademia dei Lincei (2017). (ANSA).

La soddisfazione della preside

La preside del liceo Vivona Daniela Benincasa commenta con estrema felicità l’assegnazione della medaglia Fields all’ex alunno del liceo, Alessio Figalli.

“Sono felicissima. Continua la grande tradizione del Vivona, i nostri alunni si sono sempre segnalati. Stiamo lavorando moltissimo per l’ammodernamento della scuola anche con un potenziamento del settore matematico-scientifico oltre alla valorizzazione dell’indirizzo classico e linguistico”, ha detto la dirigente scolastica.

Una curiosità: nel liceo classico capitolino Vivona ha insegnato anche la madre diAlessio Figalli.

Preparazione concorso ordinario inglese