Home Attualità Il Papa agli imprenditori: “No a favoritismi e disonestà”

Il Papa agli imprenditori: “No a favoritismi e disonestà”

CONDIVIDI

Storica udienza degli imprenditori con Papa Francesco. Si tratta della prima volta nei 106 anni della storia di Confindustria. Circa settemila imprenditori nella sala Nervi hanno ascoltato le parole del Santo Padre. Un momento di testimonianze degli imprenditori e di riflessione sul binomio fede e impresa

Un’attenzione maggiore ai “potenziali lavoratori”, i “giovani”, che, “prigionieri della precarietà o di lunghi periodi di disoccupazione, non vengono interpellati da una richiesta di lavoro che dia loro, oltre a un onesto salario, anche quella dignità di cui a volte si sentono privati”. E l’appello del Papa a Confindustria di prendersi cura di loro, insieme agli anziani e le famiglie. “Tutte queste forze, insieme, possono fare la differenza per un’impresa che metta al centro la persona”, ha detto il Papa. 

Icotea

Gli anziani “potrebbero ancora esprimere risorse ed energie per una collaborazione attiva, eppure vengono troppo spesso scartati come inutili e improduttivi”, ha detto il Papa, facendo appello agli imprenditori di Confindustria a guardare ai soggetti “dimenticati e trascurati”.

 “Siete chiamati a tutelare la professionalità, e al tempo stesso a prestare attenzione alle condizioni in cui il lavoro si attua, perché non abbiano a verificarsi incidenti e situazioni di disagio. La vostra via maestra sia sempre la giustizia, che rifiuta le scorciatoie delle raccomandazioni e dei favoritismi, e le deviazioni pericolose della disonestà e dei facili compromessi”

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

TUTTE LE NOTIZIE SUL CONCORSO ANCHE SU TELEGRAM!

“Siete chiamati a tutelare la professionalità e al tempo stesso a prestare attenzione alle condizioni in cui il lavoro si attua, perché non abbiano a verificarsi incidenti e situazioni di disagio. La vostra via maestra sia sempre la giustizia, che rifiuta le scorciatoie delle raccomandazioni e dei favoritismi, e le deviazioni pericolose della disonestà e dei facili compromessi”. 

“Al centro di ogni impresa vi sia l’uomo: non quello astratto, ideale, teorico, ma quello concreto, con i suoi sogni, le sue necessità, le sue speranze e le sue fatiche”, ha detto il Papa. “Questa attenzione alla persona concreta comporta una serie di scelte importanti: significa dare a ciascuno il suo, strappando madri e padri di famiglia dall’angoscia di non poter dare un futuro e nemmeno un presente ai propri figli; significa saper dirigere, ma anche saper ascoltare, condividendo con umiltà e fiducia progetti e idee; significa fare in modo che il lavoro crei altro lavoro, la responsabilità crei altra responsabilità, la speranza crei altra speranza, soprattutto per le giovani generazioni, che oggi ne hanno più che mai bisogno”.

“Rafforzare l’attenzione ai valori che permettono una concreta alternativa al modello consumistico del profitto a tutti i costi”, ha chiesto Papa Francesco agli imprenditori italiani. I valori, ha spiegato il Papa, “sono la spina dorsale dei progetti di formazione, di valorizzazione del territorio e di promozione delle relazioni sociali”.