Home Politica scolastica Il patto educativo s’è rotto e la “patata bollente” va ai docenti...

Il patto educativo s’è rotto e la “patata bollente” va ai docenti malpagati: ringraziamoli

CONDIVIDI

L’educazione deve tornare al centro del mondo. Lo sa bene il Papa. E non lo manda a dire. “Non cambieremo il mondo se non cambiamo l’educazione”, ma oggi “il patto educativo tra le famiglie, la scuola e lo Stato, è rotto, è assai rotto e non si può semplicemente incollare”, ha detto il Santo Padre, parlando il 5 febbraio in videoconferenza con alcuni ragazzi disabili di varie parti del mondo aderenti al progetto educativo ‘Scholas occurrentes’.

Papa Francesco ha tenuto a ricordare che il patto educativo rotto significa che l’educazione viene affidata “agli agenti educativi che pagati male devono portare sulle loro spalle questa responsabilità”, perciò, ha aggiunto, “voglio esprimere il mio omaggio ai docenti che si sono trovati con questa patata bollente in mano”.

Icotea

 

 

{loadposition eb-valutare}

 

 

Ma ricucire il patto educativo è ancora possibile: secondo Bergoglio è però necessario uno sforzo di “armonizzazione” tra tutti i responsabili, un’armonizzazione, ha insistito, che può passare solo attraverso “l’educazione alla bellezza”, che si esprime nelle tanti arti come la pittura, la scultura e la letteratura. 

 

 

Metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per sapere tutte le notizie dal mondo della scuola