Home I lettori ci scrivono Il rinnovo del contratto pubblico: priorità assoluta

Il rinnovo del contratto pubblico: priorità assoluta

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Ormai gli italiani perbene, hanno tutti compreso senza ombra di dubbio,che questo governo screiterato, ha fatto, in questi anni di renzismo oscurantista, gli interessi di tutti (banche e lobby) tranne che dei lavoratori onesti. Questo governo di individui de-eticizzati, servi dei poteri forti, ha solo distribuito in modo clientelare in malo modo e in mala fede, miliardi di euro a destra e a manca miliardi elargiti alle cooperative sedicenti pro immigrati e alle banche il cui  discutibile salvataggio, ha favorito spudoratamente i manager e i banchieri invece di mandarli in galera dal momento che hanno rovinato migliaia di famiglie e risparmiatori mandandoli in mezzo a una strada.

Questa è l’Italia, un paradosso grottesco e inquietante. Invece quando si tratta della sanità pubblica e della scuola statale, assistiamo alla solita litania, ci viene propinato indegnamente il solito copione squallido: i Ministri all’unisono sornioni e a gran voce ripetono ”per voi non ci sono risorse”.

A Gentiloni, Padoan, Fedeli, chiediamo perentoriamente e con fermezza di rinnovare il contratto ai pubblici dipendenti senza esitare, gli stipendi dei pubblici dipendenti sono al limite della sopravvivenza, bisogna adeguare gli stipendi all’inflazione e al costo della vita, e ripristinare immediatamente la vacanza contrattuale, un governo che ignora e maltratta i docenti e i pubblici dipendenti non è degno di considerazione.

ICOTEA_19_dentro articolo

L’ossatura di una società civile si basa sul servizio pubblico, sull’erogazione dei servizi necessari che uno Stato deve garantire per tutelare i diritti dei cittadini, diritti sanciti dalla Costituzione.

Il buon andamento e il corretto funzionamento della cosa pubblica con le sue ramificazioni dei servizi a tutela di tutti rappresentano e sono l’espressione di una civiltà giuridicamente evoluta i cui attori attivi principali sono appunto i pubblici dipendenti senza i quali i servizi non esisterebbero. Perciò lo Stato non può e non deve mortificare la dignità dei suoi dipendenti, docenti inclusi che rappresentano lo scheletro intrinseco e ontologico della società civile.

L’Italia riparte solo se si investe seriamente nel settore pubblico, con un rinnovo del contratto degno e serio, e non con mancette e marchette inaccettabili.

Siamo stufi di assistere e di subire solo ingiustizie sociali che hanno creato solo un clima di incertezza e di prostrazione. Il governo deve assumersi da ora in poi, le sue responsabilità morali e civili e le conseguenze nefaste in caso di scelte scritierate.

di Michele Orabona

Preparazione concorso ordinario inglese