Home Attualità Incendiati 14 scuolabus a Locri. La ministra: “La ‘ndrangheta è come l’Isis”

Incendiati 14 scuolabus a Locri. La ministra: “La ‘ndrangheta è come l’Isis”

CONDIVIDI

Un incendio nella notte, che ha bruciato 14 scuolabus,  è partito da uno dei mezzi per il trasporto dei ragazzi per poi espandersi velocemente a tutti gli altri parcheggiati nel piazzale esterno dell’azienda “Federico” di Locri. Non è la prima volta che la ditta viene presa di mira: anche nel 2013 e nel gennaio 2014, furono bruciati nove autobus. I vigili del fuoco sono intervenuti per quattro ore cercando di spegnere l’incendio e riuscendo a salvare soltanto uno dei automezzi.

Già avviate le indagini per individuare le cause del rogo che sembrano convergere su un atto intimidatorio: sul luogo dell’incendio, infatti, è stata trovata una tanica del tipo di quelle utilizzate per contenere liquido infiammabile, in parte bruciata.

Icotea

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

La ministra dell’Istruzione Stefania Giannini, commentando l’incendio di 14 scuolabus a Locri ha detto: “Chi ha compiuto questo gesto ignobile agisce come i terroristi islamici che stanno distruggendo le scuole e le biblioteche in Siria e in Iraq”.

Il Prefetto Claudio Sammartino ha indetto per venerdì 5 febbraio una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica per fare il punto della situazione della legalità nel territorio della Locride. Anche la Commissione antimafia, presieduta da Rosy Bindi, annuncia una visita ispettiva per fare il punto e assumere le iniziative necessarie insieme ai rappresentanti delle forze dell’ordine e della magistratura.