Inizio anno scolastico 2021, Giuliani: potrebbe scattare la DaD per 1 studente su 4

CONDIVIDI
  • Credion

Il nostro direttore, Alessandro Giuliani, intervistato da Globus Television nel pomeriggio di venerdì 9 luglio, ha parlato di rientro a scuola 2021 e di vaccinazione, dicendosi preoccupato che tutto possa ripetersi anche nel nuovo anno scolastico rispetto a quanto abbiamo affrontato nei precedenti anni di pandemia.

“Ci si aggrappa alla mancata vaccinazione di circa 215 mila docenti – spiega il direttore – ma ricordiamoci che abbiamo anche una scarsissima percentuale di studenti vaccinata”. E precisa: “C’erano tutti i ragazzi che hanno fatto la maturità ma chiaramente sono usciti dal circuito scolastico. Il punto è che in mancanza di una vaccinazione globale e generalizzata che superi il 90-95% del corpo docente, il Comitato tecnico scientifico non se la sente di cambiare le norme”.

Icotea

“Solo in questi giorni il commissario Francesco Figliuolo si è reso conto che anche tra il corpo insegnanti ci sono molti no-vax. Una percentuale che fa rumore perché a fronte di 1milione e 400mila docenti, Ata e dirigenti, parliamo di un po’ più di 200mila operatori, ma questo significa che se perdurerà questa situazione, arriveremo a settembre alle stesse condizioni: distanziamento obbligatorio, mascherina e se le classi lo dovessero richiedere, bisognerà dimezzare il numero di studenti e scatterà la DaD per almeno il 25/30% dei ragazzi delle superiori, quindi non cambierà molto rispetto all’anno scorso”.

Una problematica che torna a investire particolarmente le scuole superiori – ci ricorda il direttore – anche in relazione all’affollamento dei mezzi pubblici, che nei grandi centri rimangono in numero decisamente inferiore rispetto alle necessità ordinarie, figuriamoci in presenza di distanziamento obbligatorio anti-Covid.