Home Generale Insulti all’attivista gay da una scolaresca nell’indifferenza delle maestre

Insulti all’attivista gay da una scolaresca nell’indifferenza delle maestre

CONDIVIDI

Insultata da una scolaresca mentre cammina per strada “nell’indifferenza delle maestre”: questa la denuncia di Massimo Milani, storico attivista gay di Palermo, conosciuto da tutti per la sua caratteristica di vestirsi da donna. “E’ bello cominciare la giornata ed essere insultata da una intera scolaresca, a maggioranza maschile, a colpi di ”pezzo di fr…’, tra l’indifferenza delle maestre, che redarguite da me dichiarano: ‘è il loro linguaggio’.

“Il ‘complotto gender’ è una realtà e fa stragi”, conclude Massimo Milani.

Icotea

 

{loadposition deleghe-107}

 

Lo sfogo, raccontano le agenzie,  arriva anche su Facebook, dove l’attore Ernesto Tomasino, che vive a Londra, interviene affermando che “è un problema vecchio quanto il mondo moderno e che non è per niente limitato a Palermo o tipico della nostra terra. E’ un fenomeno costante presso ogni nazione e ogni cultura. Alcuni paesi hanno leggi specifiche. L’omofobia è un reato in UK e questo fa una bella differenza per tante ragioni. Nelle scuole inglesi dare del fr… (queer) e’ all’ordine del giorno. La differenza è che nei paesi più evoluti da questo punto di vista, la vittima degli abusi ha un sistema alle spalle che lo fa sentire piu’ forte e spesso gli da le “armi emozionali” per combattere gli aggressori. A Palermo figuriamoci. L’episodio che racconta Massimo Milani ne è la prova”.