Home Archivio storico 1998-2013 Attività parlamentare Interpellanza del Pd sugli Istituti musicali

Interpellanza del Pd sugli Istituti musicali

CONDIVIDI
  • Credion

In Italia ci sono 21 ‘istituti musicali pareggiati’ destinati allo studio professionale della musica ed autorizzati al rilascio di titoli di studio legalmente riconosciuti: centri che svolgono una attività didattica e formativa che rappresenta il 30 per cento dell’offerta nazionale e che promuove e valorizza la millenaria e diversificata tradizione melodica e musicale del nostro paese.
Basti pensare infatti che tali scuole formano ogni anno, ad esempio, oltre mille orchestrali. Con la legge n. 508 del 1999 questi istituti sono stati trasformati in istituti superiori di studi musicali, dotati di personalità giuridica, autonomia statutaria, didattica, scientifica, amministrativa, finanziaria e contabile, riconosciuti come sedi primarie di alta formazione, di specializzazione, produzione e di ricerca nel settore artistico e musicale.
“Dopo 13 anni dalla entrata in vigore, la legge sopracitata non è stata ancora applicata integralmente – scrive la Cenni – mancano infatti alcuni regolamenti attuativi. In sintesi gli istituti sono stati equiparati ai conservatori statali tranne che per la provenienza dei finanziamenti. I costi del personale (docente e tecnico-amministrativo) di tali istituti, nonché la gestione delle strutture, ricadono ancora quasi interamente sui bilanci dei comuni e delle province di appartenenza. Gli enti locali attendono infatti il completamento della statizzazione prevista dalla legge stessa”.