Home Archivio storico 1998-2013 Personale L’augurio di Natale al proprio dirigente è buona educazione ma il...

L’augurio di Natale al proprio dirigente è buona educazione ma il “regalo al Ds” è sanzionabile

CONDIVIDI
  • Credion

Anche nel CCNL del personale dirigente dell’Area V all’art. 14 si indicano con chiarezza gli obblighi del dirigente scolastico.
 Il DS è chiamato ad anteporre il rispetto della legge e l’interesse pubblico agli interessi privati propri ed altrui, e deve astenersi dal chiedere e dall’accettare omaggi o trattamenti di favore, se non nei limiti delle normali relazioni di cortesia e salvo quelli d’uso, purché di modico valore. In buona sostanza mentre l’augurio di Natale fatto al proprio dirigente, magari con l’invito a consumare un aperitivo, è da considerarsi buona educazione, il regalo fatto al DS, da mettere sotto l’albero è sanzionabile. 
Per cui sono sanzionabili per il DS che li riceve, quei regali fatti da gruppi di docenti, che hanno deciso di regalare per le feste natalizie, in modo da metterlo sotto l’albero, l’Ipad o un qualsiasi altro Tablet o addirittura un costosissimo Iphone 5. Vogliamo ricordare a quali sanzioni va incontro il DS vanitoso, che ama ricevere regali da parte di componenti del collegio della scuola che esso stesso dirige. È tutto scritto negli articoli 15 e 16 del CCNL del personale dirigente Area V. 
Le violazioni, da parte dei dirigenti, degli obblighi di cui all’art. 14, secondo la gravità dell’infrazione ed in relazione a quanto previsto dall’art. 16 (codice disciplinare), previo procedimento disciplinare, danno luogo all’applicazione delle seguenti sanzioni: 

a) sanzione pecuniaria da un minimo di € 150,00 ad un massimo di € 350,00;
b) sospensione dal servizio con privazione della retribuzione, secondo le previsioni del successivo art. 16 (codice disciplinare);
c) licenziamento con preavviso;
d) licenziamento senza preavviso. 

Icotea

Queste norme deontologiche risultano troppo spesso disattese e tenute in poco conto, mentre invece rappresenterebbero quel principio cardine per il buon funzionamento dell’autonomia scolastica. Il fallimento dell’autonomia scolastica è dovuto principalmente all’inosservanza dei codici deontologici e disciplinari ed ad una carenza dell’etica della responsabilità.