Home I lettori ci scrivono La continuità didattica dei precari dei licei musicali è di serie B

La continuità didattica dei precari dei licei musicali è di serie B

CONDIVIDI
  • Credion
Gentile Redazione,
 
siamo un cospicuo gruppo di precari di vari licei musicali italiani con anni di servizio in suddetti licei sulla materia”esecuzione ed interpretazione strumentale”.
Dopo aver letto la bozza del decreto sulle utilizzazioni e assegnazioni provvisorie art 6/bis riguardante il reclutamento nei licei musicali abbiamo spiacevolmente notato che per noi non c’è nessuna garanzia di riconferma per il prossimo anno scolastico.
Possono fare domanda di utilizzazione sulle nostre ore i docenti di ruolo nelle scuole secondarie di PRIMO grado titolari di un’altra classe di concorso anche NON IN ESUBERO e addirittura provenienti da una provincia diversa da quella dove e’ubicato il liceo musicale o titolari del SOSTEGNO diplomati in strumento musicale ma senza alcuna esperienza nell’insegnamento della musica…
Tutte queste persone sopraccitate continuano a mantenere il ruolo nella loro scuola di appartenenza bloccando altre immissioni e tenendo vergognosamente il piede in due staffe.
Il paradosso si raggiunge poi quando nel comma 11 del decreto si parla di priorità di riconferma degli utilizzati (cioè solo degli insegnanti di ruolo prima menzionati) dell’anno scolastico 2013/2014 allo scopo di garantire la continuità didattica. E la nostra continuità didattica che insegniamo in questi licei da quattro anni fin dalla loro nascita e nel frattempo ci siamo regolarmente abilitati è meno importante? Ci sono alunni di serie A e di serie B?
Chiediamo una divulgazione di questa tristissima e vergognosa situazione di cui le Organizzazioni Sindacali sono state protagoniste..