Home Alunni La contrazione delle nascite si ripercuote sulla scuola

La contrazione delle nascite si ripercuote sulla scuola

CONDIVIDI
  • Credion

La Repubblica spiega che ci potrebbero essere  circa 50mila bambini in meno in un arco di tempo di cinque anni, le cui cause sarebbero dovute alla crisi e al precariato, mentre la contrazione di iscritti si fa sentire già nelle classi della scuola dell’infanzia.

Lo sanno bene i sindacati,

che temono ripercussioni sull’occupazione dei docenti e che si preparano al peggio, senza temporeggiare, e anzi mettono in guardia rispetto al fatto che la diminuzione di allievi e classi non sarà uguale in tutta Italia.

Icotea

Domenico Pantaleo responsabile nazionale di Cgil Lavoratori della conoscenza, spiega: “Il problema degli effetti della diminuzione delle nascite sulla formazione delle classi ci è noto da tempo, e da tempo lo facciamo presente a chi di dovere. Quello che più ci preoccupa è che non si presenterà sempre nello stesso modo ma, al solito, sarà peggio nel sud Italia. Infatti è al sud più che al centro nord che si accentua la penuria di studenti, perché manca quasi completamente la componente di alunni stranieri. E dunque comporre le classi sarà sempre più difficile”.