Home Archivio storico 1998-2013 Generico La deportazione degli ebrei e le “Pietre d’Inciampo”

La deportazione degli ebrei e le “Pietre d’Inciampo”

CONDIVIDI
  • Credion

Verrà presentato martedì 11 ottobre, a ridosso della ricorrenza della deportazione degli ebrei di Roma avvenuta il 16 ottobre del 1943, il progetto “Pietre d’Inciampo”, terzo appuntamento del percorso culturale ‘La memoria e l’immagine’: promosso dall’Osservatorio della fotografia, assessorato alle Politiche della Scuola della Provincia di Roma in collaborazione con il Senato della Repubblica, al’interno della Sala Zuccari di Palazzo Giustiniani, verrà reso pubblico il progetto culturale che vede al centro l’interazione diretta tra vecchie e nuove generazioni, tra passato e presente. Uno scambio realizzato attraverso la fotografia. La presentazione sarà anche l’occasione per ricordare la figura di Tullia Zevi.
All’iniziativa parteciperà anche il presidente del Senato Renato Schifani, che rivolgerà un saluto ai promotori del progetto. Hanno assicurato la loro presenza Silvana Amati del Consiglio di Presidenza del Senato, Giacomo Moscati, vicepresidente della Comunità Ebraica di Roma, Nicola Zingaretti, presidente della Provincia di Roma, e Adachiara Zeri, coordinatore del progetto ‘Memorie d’Inciampo a Roma’.
Prenderanno inoltre parte all’incontro Paola Rita Stella, Victor Magiar, Sandra Terracina, Carlo Emanuele Bugatti e Ruggero Passeri. Sono previste anche le testimonianze di due protagonisti della deportazione romana: Alberta Levi Temin e Pietro Terracina.
Ma protagonisti dell’iniziativa culturale saranno anche docenti e studenti di diverse scuole e istituti di Roma. In particolare, saranno i giovani dell’Istituto Rossellini di Roma a presentare una selezione del loro lavoro fotografico che riprende l’iniziativa avviata a Colonia nel 1995 dall’artista tedesco Gunter Demnig in memoria di cittadini deportati nei campi di sterminio nazisti.
Ma cosa sono le ‘Pietre d’Inciampo’? Si tratta di piccole targhe d’ottone della dimensione di un “sanpietrino” che nel tempo sono state poste davanti alla porta della casa in cui abitò il deportato in diversi Paesi europei. Vi sono incisi il nome, la data di nascita, la data e luogo di deportazione e la data di morte se conosciuta. In Italia le prime 30 Pietre d’Inciampo sono state collocate nel 2010 in occasione del Giorno della Memoria.

Il convegno sarà trasmesso in diretta dal secondo canale della web-tv fruibile dal sito http://www.senato.it/

Icotea