Home Disabilità La formazione in Sicilia non tutela gli studenti disabili

La formazione in Sicilia non tutela gli studenti disabili

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Per la segretaria regionale della Flc Cgil Sicilia, Graziamaria Pistorino, intervenuta nell’ambito di un convegno all’Ars sul tema organizzato dalla stessa Regione, l’avviso n° 28 della Regione Siciliana, sull’Istruzione e la formazione professionale (Iefp), “non assicura il diritto allo studio degli studenti disabili e non tutela i lavoratori del settore. Nel bando, infatti, non sono state stanziate le risorse necessarie all’assunzione degli insegnanti di sostegno, figure indispensabili per permettere ai suddetti studenti di frequentare i corsi, né contempla le regole del contratto collettivo nazionale come stabilito nell’accordo siglato il 23 luglio scorso tra l’Assessorato e le parti sociali”.

Legge sul diritto alla studio rischia di rimanere lettera morta

“Apprezziamo il lavoro svolto dall’assessore Lagalla – aggiunge – per l’approvazione della legge regionale sul diritto allo studio. Questa, tuttavia, rischia di rimanere lettera morta, sia perchè non individua risorse adeguate per la sua attuazione, sia perchè i costi standard stabiliti dall’Assessorato sono decisamente più bassi rispetto a quelli stabiliti da tutte le altre regioni italiane per finanziare gli stessi servizi e le stesse prestazioni. Ciò vuol dire che nell’Isola si spende molto meno che altrove”.
“Abbiamo chiesto più volte – ha sottolineato – di essere convocati al tavolo sull’Iefp per discutere, congiuntamente all’Assessorato e all’Ufficio scolastico regionale, e provare a trovare soluzioni condivise per i punti di contatto tra scuola e formazione professionale. Le nostre ripetute richieste, tuttavia, sono rimaste inascoltate. Chiediamo, quindi, all’assessore Lagalla di proseguire con il suo metodo di confronto e dialogo”.

Preparazione concorso ordinario inglese