Home Archivio storico 1998-2013 Generico La Gilda ripropone la mobilitazione unitaria e nazionale

La Gilda ripropone la mobilitazione unitaria e nazionale

CONDIVIDI
webaccademia 2020

Uno sciopero generale del comparto scuola, con tutti i sindacati schierati a favore. È la richiesta, tutt’altro che semplice, che la base della Gilda avrebbe espresso nel giorno delle assemblee che si sono svolte in tutta Italia in diretta web. A riassumere la richiesta è stato il coordinatore nazionale, Rino Di Meglio, rivolgendosi agli addetti ai lavori milanesi, ma prima ancora alle altre organizzazioni sindacali: serve “una protesta collettiva ‘della scuola e per la scuola’ a fine ottobre.
In questi ultimi mesi e, soprattutto, con l’accelerazione della crisi – ha sottolineato di Meglio – ho avuto modo di saggiare gli umori e gli stati d’animo della nostra categoria, ma anche di raccogliere la forte richiesta di un’azione unitaria. Da qui il convincimento che una mobilitazione generale, che metta al centro i problemi della scuola, non sia più rinviabile. E’ inevitabile che occorrano sacrifici da parte di tutti i cittadini – ha proseguito Di Meglio – ma non è giusto che a farli siano sempre i soliti noti, insegnanti in testa”.
Da Milano, però, il leader della Gilda ha posto una condizione imprescindibile: “Occorre superare le differenze tra i vari sindacati del settore. E’ questa l’unica strada da percorrere – ha concluso – per fare sentire la nostra voce e far vedere la nostra forza. La via maestra non sono gli scioperi isolati (come su questa testata giornalistica rilevato in un precedente articolo ndr), ma una sola grande mobilitazione di categoria”. L’appello agli altri sindacati, in particolare a Cisl e Uil Scuola, è stato fatto. È improbabile, tuttavia, che i dissidi e le distanze possano azzerarsi in virtù di uno sciopero nazionale e unitario al momento molto teorico e poco realistico.

CONDIVIDI
Preparazione concorso ordinario inglese