Home Attualità La guerra vista dall’Estonia: bambini rifugiati e giovani preoccupati

La guerra vista dall’Estonia: bambini rifugiati e giovani preoccupati

CONDIVIDI

In Estonia la guerra tra Russia in Ucraina viene vissuta con estremo coinvolgimento e sia le pratiche di accoglienza scolastiche che il modo in cui i più giovani stanno affrontando le conseguenze del conflitto colpiscono particolarmente.

I bambini rifugiati

Da quando la guerra è iniziata, un totale di 3.729 bambini rifugiati, un terzo tra tutti coloro che sono arrivati in Estonia, terra di confine, ha iniziato a frequentare l’asilo o la scuola.

Icotea

Soltanto nell’ultima settimana, circa 500 bambini sono stati iscritti in istituti scolastici estoni. In totale, 894 bambini rifugiati sono stati iscritti all’asilo, 2.539 bambini alle scuole di base, 162 alle scuole superiori e 132 alle scuole professionali.

Secondo il ministro dell’istruzione e della ricerca Liina Kersna è fondamentale che i bambini ucraini siano iscritti a scuola e inizino a imparare la lingua estone il più presto possibile.

Sappiamo, ha detto il ministro, che 11.887 rifugiati di guerra dall’Ucraina minori di 19 anni sono arrivati in Estonia. Lo stato può pagare un sostegno aggiuntivo ai governi locali solo per quei bambini che sono iscritti nel database.

Docenti ucraini nelle scuole estoni

Secondo i dati dell’Estonian Education Information System (EHIS) il 70% dei bambini rifugiati è iscritto in scuole di lingua estone, il 20% di lingua russa, il 10% in immersione linguistica e solo l’1% in istituti scolastici in lingua inglese.

Dato interessante è che molte scuole hanno anche assunto dipendenti dall’Ucraina. Secondo i risultati di un’indagine del ministero, un totale di 101 rifugiati ucraini lavorano attualmente in 76 scuole in Estonia. La maggior parte di loro lavora come insegnanti o assistenti, ma altri sono stati assunti anche come psicologi scolastici, logopedisti, persone di supporto, coordinatori di studio, nonché cuochi e bidelli.

La visione delle giovani generazioni

Un altro capitolo che narra come l’Estonia sta vivendo la guerra è lo sguardo dei giovani. Le generazioni nate dopo che gli stati baltici hanno riconquistato la loro indipendenza non hanno vissuto direttamente ciò che i loro anziani hanno sofferto durante l’occupazione sovietica. Ma le storie che si narrano in famiglia influenzano il modo in cui i giovani guardano l’invasione russa in Ucraina.

In Estonia, Lettonia e Lituania il ricordo dei bombardamenti è ancora vivo, anche perché le generazioni che hanno vissuto l’occupazione sono tutte ancora vive. E quelli che non l’hanno vissuta portano in sé la memoria collettiva di ciò che le loro famiglie hanno sofferto. È un trauma che diventato memoria. E memoria che torna a essere trauma quando, a pochi chilometri dalle loro capitali, i ventenni baltici guardano con preoccupazione a quello che succede a Kharkiv, Mariupol, Kyiv.

Entrambe le guerre mondiali, in particolare la seconda, e l’occupazione sovietica sono al centro della nostra memoria sociale. E le storie dei tempi delle repubbliche socialiste fanno parte dei racconti di famiglia. Noi, la nostra generazione e la prossima, siamo stati fortunati ad essere nati in un paese indipendente, racconta Kristine di 18 anni.

C’è un certo timore esistenziale, lo vedo nelle notizie o anche nel modo in cui la mia famiglia interagisce con me. Ma questo perché la storia dell’occupazione russa, i danni che ha fatto alle nostre città e alle nostre vite è tutto ancora molto tangibile, secondo Mia (21 anni).

Basta guardarsi intorno, tutti quelli della nostra età controllano le notizie 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Anche alcuni dei miei amici mi hanno detto che a volte non riescono a dormire, aggiunge Rauno (28 anni), di Tallinn.

Sia io che i miei amici, quando ci siamo svegliati alla notizia dell’invasione, abbiamo avuto attacchi di panico, abbiamo pianto molto. Ora le reazioni sono più sotto controllo, abbiamo fatto i conti con quello che sta succedendo e abbiamo capito che, solo così, possiamo rimanere più fermi che mai e aiutare l’Ucraina in ogni modo possibile, dice Brigita (28 anni).