Home Attualità La maestra in bicicletta che raggiunge i bambini senza Internet

La maestra in bicicletta che raggiunge i bambini senza Internet

CONDIVIDI
  • Credion

Ogni giorno, sotto il sole coente dell’entroterra brasiliano lei, Nodias Novaes, in sella alla sua bicciletta, parte per raggiungere 30 bambini e adolescenti senza accesso ad internet, tra cui diversi disabili, a cui fa lezione. Si tratta di studenti con bisogni educativi speciali, infatti alcuni hanno la sindrome di Down, altri soffrono di paralisi infantile, altri ancora hanno ritardi mentali più o meno gravi.

Novaes, 38 anni, ha subito compreso che un tempo lungo senza scuola avrebbe potuto significare per loro regredire nel linguaggio e nella cognizione motoria. Ecco perché la maestra pedala quotidianamente lungo le strade dello stato di Ceará, nella parte nordorientale del paese, che si affaccia sull’Atlantico, per raggiungere gli studenti che lei ha deciso di seguire personalmente durante la pandemia. Ricordiamo che il Brasile è tra quelli colpiti più duramente dalla diffusione del virus..

Icotea

Educazione a domicilio

I bambini e ragazzi che Nodias Novaes va trovare non hanno la possibilità di connettersi ad internet e allora lei ha pensato di ideare un progetto che ha chiamato educação delivery” (educazione a domicilio) che si propone proprio di impedire che i bambini rimangano senza istruzione. E così l’insegnante non li ha lasciati soli e ogni giorno va da loro a fare lezione e, poiché non ha la patente, usa una vecchia bicicletta per spostarsi tra le varie case, portando anche snack, popcorn e couscous, e anche cesti alimentari e vestiti donati.

Didattica inclusiva

Dal punto di vista didattico la strategia di Novaes è altamente inclusiva, lei ha infatti ideato curricula che possono essere adattati a tutti gli studenti, con e senza disabilità, come lei stessaha dichiarato. Novaes è sostenuta dall’’intera comunità, che si mobilita per il successo del Progetto e allora c’è chi, come un microbiologo dà consigli di prevenzione contro il Covid-19, un’infermiera che guida le famiglie, e anche un’emittente radiofonica riproduce i messaggi di Noadias nel suo programma e la scuola pubblica dove lavora l’insegnante presta i materiali, come carta o colla, che i bambini utilizzano durante le attività. Grazie ad una raccolta fondi nel futuro, Noadias intende acquistare una bici elettrica, una stampante e del materiale scolastico da distribuire ai bambini e ragazzi