Home I lettori ci scrivono La ministra Fedeli e gli smartphone

La ministra Fedeli e gli smartphone

CONDIVIDI
  • GUERINI

Spettabile Redazione, 

ho letto l’intervista alla ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli comparsa in questi giorni su “La Repubblica”. La Ministra dichiara di stare a contatto con i ragazzi. ù

Icotea

Sorprende quindi che alla domanda: “Cosa ne pensa dello smartphone in mano a un tredicenne?” risponda: “È uno strumento che facilita l’apprendimento, una straordinaria opportunità che deve essere governata.

Se lasci un ragazzo solo con un tablet in mano è probabile che non impari nulla, che s’imbatta in fake news e scopra il cyberbullismo.

Questo vale anche a casa. Se guidato da un insegnante preparato, e da genitori consapevoli, quel ragazzo può imparare cose importanti attraverso un media che gli è familiare: internet. Quello che autorizzeremo non sarà un telefono con cui gli studenti si faranno i fatti loro, sarà un nuovo strumento didattico”.

Ma la Ministra sa che anche il tablet è collegabile a internet, con tutti i pro e i contro del caso??!

E che i tablet sono regolarmente usati in alcune scuole?!

E la Ministra non immagina che anche con gli smartphone i ragazzi saranno esposti a pericoli e distrazioni come fake news, cyberbullismo e altro??!

Sempre su “La Repubblica” gli stessi ragazzi (cfr. videointerviste a studenti di Roma e Milano) evidenziano tali rischi!

Infine, vorrei poter riportare una considerazione della professoressa Roberta De Monticelli comparsa tempo fa sul sito phenomenolgylab.eu. Questo a proposito della necessità della laurea che la Ministra, nell’intervista, reputa così basilare. 

http://www.phenomenologylab.eu/index.php/2016/12/laurea-ministro-istruzione/