Home Attualità La notizia, la fuga e il segreto segretato

La notizia, la fuga e il segreto segretato

CONDIVIDI

Il mistero se misterioso attira l’attenzione, tranne a renderlo pubblico dicendo che è un mistero che si svelerebbe se non venisse reso misterioso. Il mistero delle comari per capirci, i cui segreti sono così segreti che li vanno blaterando a tutti, ma siccome sono segreti non si devono sapere, altrimenti che segreti sono? Una cosa simile succedeva alla Perpetua che venne informata di un segreto che grazie a lei divenne pubblico, ma doveva essere segreto. Prendete il caso dei Rosacroce, di cui parla perfino Umberto Eco, era una società così segreta che dopo averne parlato se ne doveva negare l’esistenza. Anche perchè – aggiunge Eco – “i Rosacroce non si manifestano mai all’esterno; un vero Rosacroce non direbbe mai che è un Rosacroce. E se qualcuno dicesse che è un rosacroce, vorrebbe dire che non è un Rosacroce”. E che bello c’è se no? Se è segreto è segreto!

E tra i segreti segretati c’è anche quello della notizia saputa per vie traverse e siccome ci sono tante curve e poi trivi e quadrivi, viene pubblicata, ma con l’ammiccamento tipico della comare che ha saputo il pettegolezzo da fonte così certa di cui però non può svelarne il nome: e così l’unica certezza del certo sta nel fatto che è incerto che poi è il dato che ne certifica la certezza. “Abbiamo saputo che Napoleone fugge da Sant’Elena”: ma da chi e quando? Segreto! E Napoleone infatti vi mori. C’è sempre qualcuno che è più informato degli informati, anzi persino più dei diretti interessati che non sanno nemmeno della informazione che gli attribuiscono di sapere.

Icotea

 

LA TECNICA DELLA SCUOLA E’ SOGGETTO ACCREDITATO DAL MIUR PER LA FORMAZIONE DEL PERSONALE DELLA SCUOLA E ORGANIZZA CORSI IN CUI È POSSIBILE SPENDERE IL BONUS.

{loadposition bonus}

 

I sindacati, durante la trattativa sulla chiamata diretta, sonno stati cacciati dal Miur: ma attenzione è un segreto! E come è sfuggita una tale notizia? Segreto! Gli informatori di coloro che si dicono sempre informati sono così saputi che ne sanno una in più di coloro di cui riportano l’informazione perché appunto ne sono direttamente informati da carpirne anche cose che non sanno. Ma se non fanno così che informazione possono fare? L’informazione sul segreto segretato: abbiamo 007 in ogni luogo; e siccome il pruriginio del mistero si gratta nell’ombra occorre che vi permanga fino a quando la potamofagia (mangia-fiume) non passa per minaccia legittima di denuncia, svelando così la causa del prurito.

Come le comari di Windsor, quelle “allegre” cosi care a Shakespeare:  “Houston, abbiamo un problema”, anzi un segreto.