Home Alunni “La scuola deve dare risposte diverse in ragione delle differenti attitudini individuali”

“La scuola deve dare risposte diverse in ragione delle differenti attitudini individuali”

CONDIVIDI
  • Credion

La senatrice Pd Josefa Idem, componente della commissione Istruzione, durante la conferenza istituzionale dell’Associazione “Pensare Oltre”, svolta a Palazzo Madama, per presentare le attività della Onlus nel 2016, impegnata nella promozione di campagna informative contro l’eccessiva patologizzazione delle diversità, ha dichiarato: “Motricità e sport, arte, musica: sono temi che, con la legge sulla Buona Scuola, rientrano dalla porta principale nel sistema, anche se solo il tempo dirà se l’attuazione, almeno in queste materie, sia stata positiva e concreta. Considerare l’unicità delle predisposizioni individuali, in ambito scolastico, senza tener conto delle differenze ‘naturali’ dei bambini, che possono esprimersi in più campi è un errore, perché la scuola deve saper dare risposte diverse in ragione delle differenti attitudini individuali. Gli strumenti messi in campo dalla legge puntano proprio a questo, a riconsiderare l’importanza di percorsi specifici e non standardizzati per gli studenti, in modo che il sistema possa essere quanto più inclusivo possibile. In questo contesto, nella società civile, vanno certamente valorizzate le associazioni che promuovono una maggiore e più consapevole capacità di comprensione per i ragazzi che, ognuno per le proprie ragioni, esprimono le proprie potenzialità in tempi e modi diversi”.