Home Attualità La Sicilia in testa per abbandoni. Friuli V.G. con il minor tasso...

La Sicilia in testa per abbandoni. Friuli V.G. con il minor tasso di povertà educativa

CONDIVIDI

Se Sardegna  è la seconda regione per numero di ragazzi che abbandonano gli studi troppo presto, quasi uno su cinque, pari dunque al 18,1%, la Sicilia surclassa tutte le regioni italiane con il 23,5%. Un primato vergognoso.

In Sardegna

In Sardegna però oltre un alunno su due è senza mensa (52%) e più dell’89% dei bambini non ha accesso ad asili nido o a altri servizi per l’infanzia.

Nell’isola, inoltre, quasi la metà dei bambini e dei ragazzi non legge (il 47,7%), uno su tre non usa internet (con il 32,8% è la quarta regione italiana per numero di bambini che non ha accesso al web), il 39% non pratica sport. Moltissimi anche i minori che nel corso di un anno non sono mai andati a teatro (71,9%), a visitare mostre o musei (55,7%) o siti archeologici (60,9%), a concerti (73,8%).

ICOTEA_19_dentro articolo

Trentino Alto Adige

Si distingue positivamente tra le regioni italiane, il Trentino Alto Adige, dove il 38% dei minori di 15 anni in condizioni socio-economiche e culturali svantaggiate si dimostra resiliente e nonostante le condizioni di svantaggio iniziali riesce a raggiungere le competenze minime sia in matematica che in lettura, incidenza superata solo in Lombardia, Veneto e Piemonte e significativamente più alta rispetto a quella nazionale del 20%.

Secondo il rapporto dell’Organizzazione internazionale, il tasso di abbandono scolastico nella regione, dell’11,1% a Bolzano e del 7,9% a Trento, risulta inferiore rispetto alla media nazionale (13,8%). Quello di Trento è tra i meno elevati d’Italia, solo Umbria e Veneto registrano un tasso inferiore.

Friuli Venezia Giulia

Tuttavia è il Friuli Venezia Giulia la regione italiana con il minor tasso di povertà educativa tra bambini e ragazzi. Ma solo 2 bambini su 10 frequentano l’asilo nido o un servizio per la prima infanzia; più di 8 classi su 10 delle scuole secondarie non offrono il tempo pieno agli studenti; quasi 1 ragazzo su 3 non naviga su internet e più di 4 su 10 non leggono libri. E’ quanto emerge dal rapporto “Nuotare contro corrente. Povertà educativa e resilienza in Italia” diffuso oggi da Save the Children, in occasione del lancio della campagna Illuminiamo il futuro.

Il dato sul tasso di povertà educativa è il risultato di una somma di indicatori.

In Fvg l’8% dei ragazzi abbandona la scuola precocemente, contro il 14% della media italiana; il 78% (contro l’87% della media nazionale) non frequenta l’asilo nido; il 59% (66%) delle classi della scuola primaria e più dell’80% (86%) di quelle della secondaria, non offrono l’opportunità del tempo pieno agli studenti; il 32% (49%) non accede al servizio di mensa scolastica.