Home Sicurezza ed edilizia scolastica L’Aquila, grave ritardo nella ricostruzione delle scuole

L’Aquila, grave ritardo nella ricostruzione delle scuole

CONDIVIDI

L’Aquila è testimone di un grave ritardo che riguarda la ricostruzione delle scuole pubbliche.

Le materne e le primarie, nonostante almeno 44 milioni siano disponibili dal 2013-2015, dopo nove anni sono ancora nei MUSP, i moduli ad uso scolastico provvisorio, in pratica container, allestiti nell’emergenza del 2009 per il rientro a scuola degli studenti a settembre.

Icotea

In particolare la scuola De Amicis rappresenta un esempio emblematico di questo ritardo. Infatti, la scuola De Amicis, un simbolo dell’Aquila, che era stata scelta dalle cantanti Amiche per l’Abruzzo come destinazione della loro raccolta fondi, è ancora ferma, “sub iudice” per ricorsi e controricorsi delle ditte.

Entro maggio dovrebbe arrivare la sentenza utile per l’inizio dei lavori di ricostruzione.