Home Università e Afam Laurea in Scienze della Formazione Primaria: ecco il decreto che definisce la...

Laurea in Scienze della Formazione Primaria: ecco il decreto che definisce la prova di ammissione

CONDIVIDI

La Laurea in Scienze della Formazione Primaria è un corso di laurea magistrale a ciclo unico che prevede una prova di accesso.

La prova prevede un tempo di 150 minuti e consiste nella soluzione di 80 quesiti che presentano quattro opzioni di risposta tra cui il candidato dovrà scegliere.

Sono previsti: 40 domande su competenza linguistica e ragionamento logico; 20 su cultura letteraria, storico-sociale e geografica; 20 su cultura matematico-scientifica.

ICOTEA_19_dentro articolo

Da quest’anno, i laureati in Scienze dell’Educazione e della Formazione sono ammessi, dopo aver superato la prova e previa verifica dei requisiti da parte degli atenei sulla base dei contenuti dei programmi d’esame, al terzo anno del corso di laurea magistrale quinquennale a ciclo unico in Scienze della Formazione primaria.

Alla definizione del voto di accesso concorrono anche le certificazioni linguistiche afferenti la lingua inglese riferite al Quadro comune Europeo di riferimento per le lingue:

  • al B1 punti 3
  • al B2 punti 5
  • al C1 punti 7
  • al C2 punti 10

I punteggi delle certificazioni non si sommano, quindi prevale quello più alto.

Per accede al corso di laurea è richiesto un punteggio minimo pari a 55/80.

I bandi verranno emanati dalle singole Università e indicheranno il numero dei posti disponibili.

Il numero di posti messi a bando sarà definito da un decreto successivo.

IL DECRETO