Home Archivio storico 1998-2013 Notizie dalle Regioni Lazio, accreditamento e piano offerta formativa in apprendistato:le novità e i fondi

Lazio, accreditamento e piano offerta formativa in apprendistato:le novità e i fondi

CONDIVIDI
  • Credion
“Queste due delibere introducono un sistema innovativo, che si propone di innalzare la qualità dell’offerta formativa e di potenziare le competenze professionali, in particolare dei giovani, attraverso la formazione in apprendistato – ha detto l’Assessore Silvia Costa.
La direttiva per l’accreditamento si è resa necessaria per superare l’inadeguatezza del sistema in vigore dal 2002. Con essa si innalzeranno gli standard di qualità dell’offerta formativa, grazie all’obbligo di accreditarsi presso la Regione Lazio esteso a tutti gli enti e non solo a quelli destinatari di fondi pubblici, al rigore nella concessione delle autorizzazioni e, soprattutto, ai controlli capillari e frequenti sia nelle sedi formative, sia in merito al mantenimento di tutti i requisiti previsti dalla normativa regionale.
Quanto al Piano dell’offerta formativa in apprendistato, realizzato con la collaborazione delle Province e di concerto con le parti sociali, è stato messo a punto nella consapevolezza che l’alternanza tra attività lavorativa e attività formativa possa rispondere alla domanda di personale qualificato da parte delle aziende e consentire un ampliamento e una qualificazione dei contratti di lavoro in apprendistato per giovani sotto i 29 anni.”
Ora possiamo procedere all’emanazione di un bando per la selezione di soggetti attuatori dell’offerta formativa, attraverso la costituzione di un Catalogo regionale dell’offerta formativa, articolato su base provinciale, che potrà garantire un’adeguata copertura territoriale ed una risposta alle esigenze espresse dai vari settori economici – ha concluso l’Assessore Costa.
 
Questi i dettagli.
 
PIANO OFFERTA FORMATIVA IN APPRENDISTATO – Il Piano 2007-2008 costituisce il completamento dell’azione avviata con l’approvazione della Legge regionale sulla formazione nell’apprendistato (n. 9/2006), del relativo Regolamento di attuazione e del Repertorio regionale dei profili formativi per l’apprendistato professionalizzante, deliberato dalla Giunta lo scorso 28 settembre.
 
Le attività connesse all’implementazione del Piano dell’offerta formativa vengono finanziate dalla Regione Lazio attraverso fondi statali e regionali e sono state ripartite tra le Province in proporzione al numero degli apprendisti assunti nei rispettivi territori.
Le risorse disponibili ammontano a  16.463.247 euro, dei quali 13.593.247 statali e 2.870.000 regionali.
 
Riparto delle risorse per Provincia
sulla base degli apprendisti assunti nel 2006 (elaborazioni Isfol, su dati Inps)
 
 
Province                                          n° apprendisti                                 risorse (€)
 
Frosinone                                                     4.692                                     1.248.767
Latina                                                            4.941                                     1.315.038
Rieti                                                               1.165                                        310.063
Roma                                                                        33.235                                   8.845.435
Viterbo                                                          4.223                                     1.123.944
 
Totale                                                                       48.256                                   12.843.247
 
 
Una parte delle risorse disponibili  (3.500.000 euro) sarà destinata alla realizzazione delle attività di programmazione, coordinamento, azioni di sistema, monitoraggio e valutazione.
 
DIRETTIVA ACCREDITAMENTO ENTI DI FORMAZIONE – La revisione del sistema di accreditamento è stata prevista nel Programma operativo 2007/2013 del Fondo sociale europeo, approvato all’unanimità dal Consiglio regionale il 28 marzo scorso e adottato dalla Commissione europea la scorsa settimana, quale strumento per la qualificazione del sistema formativo regionale.
l nuovo sistema prevede i requisiti per ottenere l’autorizzazione o l’accreditamento, necessari per poter accedere ai fondi regionali e comunitari e contiene alcuni principi innovativi, che saranno disponibili sul sito Sirio dell’Assessorato Istruzione (www.sirio.regione.lazio.it), in un’apposita pagina web.
Con la nuova direttiva si innalzeranno gli standard di qualità dell’offerta formativa, grazie all’obbligo di accreditarsi presso la Regione Lazio esteso a tutti gli enti e non solo a quelli destinatari di fondi pubblici, al rigore nella concessione delle autorizzazioni e, soprattutto, ai controlli capillari e frequenti sia nelle sedi formative, sia in merito al mantenimento di tutti i requisiti previsti dalla normativa regionale.
Il nuovo iter prevede alcune profonde innovazioni. Si ampliano i requisiti per accedere all’accreditamento, che riguarderanno non solo le sedi, ma anche i soggetti (profilo professionale della direzione, capacità progettuale, affidabilità economica, esperienze precedenti, ecc.).
Si potrà, inoltre, richiedere l’accreditamento in ingresso o definitivo, con livelli diversi di criteri di entrata. L’autocertificazione, con firma digitale, potrà essere inviata on line, ma non si potrà ottenere la determina di accreditamento se non dopo l’audit della task force regionale in convenzione con l’Isfol.

Tutta la procedura sarà esperibile on line e sarà interattiva.