Home Archivio storico 1998-2013 Handicap Le mamme che protestano per i figli disabili dimenticati a scuola

Le mamme che protestano per i figli disabili dimenticati a scuola

CONDIVIDI
  • Credion

Sono circa 204mila gli alunni con handicap nella scuola italiana, il 4% del totale, secondo i dati della Fish. Seimila alunni l’anno in più nell’ultimo decennio ha calcolato l’Istat nell’ultima indagine, che si riferisce ai dati dell’anno scolastico 2011/2012. Più della metà, 81mila, frequentano la scuola primaria, altri 63 mila studiano nelle scuole medie. Il ritardomentale, i disturbi del linguaggio, quelli dell’apprendimento e dell’attenzione sono i problemi più frequenti. Uno su 5 (il 19,8%) ha un handicap abbastanza grave e ha bisogno di essere aiutato nel mangiare, o per spostarsi e andare in bagno. Il 7,8% non riesce a fare nessuna di queste tre cose.
Alunni che richiedono un’assistenza costante.
 E in molti casi la scuola non riesce a darla.
Negli ultimi anni, con il taglio della spesa pubblica, si è ridotto il numero delle ore di sostegno e dalle 22 settimanali previste se si arriva a 11 è tanto. E quando non c’è il docente di sostegno il bambino viene lasciato nella classe. Seguito a fatica dagli insegnanti di «posto comune», come vengono chiamati burocraticamente, che non hanno una preparazione specifica. E gli insegnanti di sostegno con gli spezzoni di ore sono spesso costretti a dividersi in scuole diverse. Così corrono da una parte all’altra