Home Attualità Le Pen si congratula con Salvini e Farage con il M5S. Fedeli...

Le Pen si congratula con Salvini e Farage con il M5S. Fedeli perde a Pisa

CONDIVIDI

“La spettacolare ascesa e l’arrivo in cima alla coalizione della Lega guidata dal nostro alleato e amico Matteo Salvini è una nuova tappa del risveglio dei popoli! Congratulazioni!”.

Lo scrive su Twitter la leader di Front National Marine Le Pen commentando il risultato della Lega Nord alle elezioni politiche.

Icotea

La progression spectaculaire et l’arrivée en tête de la coalition de La Ligue emmenée par notre allié et ami ‪@matteosalvinimi est une nouvelle étape du réveil des peuples !

Chaleureuses félicitations ! MLP‪#Elezioni2018 ‪#Italie

“Congratulations/congratulazioni a Matteo Salvini!!!”.

Così su twitter, sia in inglese che in italiano, il leader olandese anti-ue del pvv Geert Wilders fa i complimenti al leader della Lega dopo il risultato elettorale.

Lega e Pvv fanno parte dello stesso gruppo politico all’Europarlamento.

Uno dei primi a commentare i risultati del voto italiano, scrive Ansa, è stato Nigel Farage, eurodeputato e fino al 2016 leader dello Ukip, che nella notte si è complimentato con il Movimento 5 Stelle: “Congratulazioni ai miei colleghi nel Parlamento europeo @Mo5Stelle per essere in cima ai sondaggi stasera”.

Poi l’ex leader dell’Ukip è intervenuto nuovamente: “Congratulazioni ai nostri colleghi del Movimento Cinque Stelle nel gruppo Efdd per essere primo partito in Italia”, ha detto Farage che ha parlato di “enorme impennata per i partiti euroscettici e anti-establishment in Italia”.

“La politica della immigrazione sbagliata dell’Unione europea sta portando a un enorme risentimento e segnerà la sua fine”.

Fedeli sconfitta

Come molti altri ministri uscenti del Pd, da Dario Franceschini a Marco Minniti, nemmeno la ministra dell’Istruzione Valeria Fedeli è riuscita a farcela nella sfida uninominale per il Senato.

Ha preso 89.589 preferenze contro le 91.577 della candidata del centro destra, la leghista Rosellina Sbrana.

Nemmeno il rinnovo del contratto docenti siglato poche settimane fa è riuscito a garantire la vittoria alla titolare dell’Istruzione.