Home Archivio storico 1998-2013 Generico Le prove per essere ammessi alle Ssis

Le prove per essere ammessi alle Ssis

CONDIVIDI
  • Credion

Il Ministero dell’Università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica ha emanato il decreto che detta le regole per essere ammessi alle scuole di specializzazione all’insegnamento secondario. La selezione sarà per titoli ed esami. E dunque, per poter essere ammessi a partecipare alle prove, bisognerà vantare il possesso del diploma di laurea richiesto per la relativa classe di concorso.
L’esame consisterà in una prova scritta, approntata da ciascun ateneo, che sarà integrata da una seconda prova. La prova scritta, per ciascun indirizzo, consisterà nella soluzione di settanta quesiti a risposta multipla. Per ogni item saranno fornite  5 possibili risposte di cui una sola sarà la risposta esatta.
Dei suddetti settanta quesiti, venti si riferiranno all’indirizzo prescelto dal candidato e cinquanta alla classe per la quale sarà stata richiesta l’abilitazione.
Per ogni indirizzo il candidato potrà richiedere l’abilitazione per una o più classi di abilitazione. I quesiti saranno centrati sui programmi fissati dal decreto del ministro della pubblica istruzione 11 agosto 1998, n. 357, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 18 novembre 1998, n. 270 e su argomenti proposti per verificare la predisposizione dei candidati alle discipline oggetto della scuola di specializzazione.
Per lo svolgimento delle prove i candidati avranno a disposizione un tempo di quarantacinque minuti per la soluzione dei predetti venti quesiti e un tempo di novantacinque minuti per la soluzione dei cinquanta quesiti relativi alle varie classi di concorso.